Home Eventi&Spettacoli “Bisogna essere decisi per arrivare a certi traguardi”

“Bisogna essere decisi per arrivare a certi traguardi”

2329
0
SHARE
Ines Trocchia

inesInes Trocchia è, si può dire, l’ultima scoperta della moda campana. Nonostante abbia appena 20 anni, già si è stabilita a Milano come indossatrice ed ha fatto servizi fotografici e pubblicità per marchi e riviste di settore prestigiose: Alcott, Zuiki, Fabrizio Corona, Valeria Marini, magazine come GP e Maxim; ha lavorato con maestri della fotografia fra cui Alberto Buzzanca, Max Simotti, Pino Leone e fatto campagne pubblicitarie anche all’estero (America, India e Cina).

In qualche anno, sei riuscita ad affermarti come indossatrice e modella: ci dici il tuo “segreto”?  “Non esistono segreti, bisogna impegnarsi e sacrificarsi, nessuno mi ha mai regalato nulla e tuttora faccio molti sacrifici per coltivare questo campo”.

Hai mai avuto paura delle telecamere?                                                                                                                        “Ci sono state situazioni in cui non mi sono trovata particolarmente bene, ma ho sempre cercato di impegnarmi al massimo. Quindi direi di no…         Anche se, sopratutto agli inizi, è normale essere un pò insicuri”.

Si mormora che fra di voi, ragazze dello spettacolo, esistono invidie, gelosie e contrapposizioni…                                                                                                                                                  “Purtroppo è cosi. Ho poche amiche Nel settore. Personalmente sono una persona che non guarda mai gli affari altrui, preferisco concentrarmi sui miei obiettivi, anzi se posso dare una mano lo faccio pure con piacere. Purtroppo noto che, invece, molte mie coetanee si preoccupano più di come screditare le altre piuttosto che concentrarsi sul proprio lavoro. Io dico: meglio sprecare le proprie energie per se stessa”.

Le ragazze con le tue caratteristiche sono le preferite dagli uomini. E’ vero che hai frottole di giovani e giovanissimi che ti gironzolano intorno?                                                                                                   “È vero, ma è importante la qualità e non la quantità, cosa molto rara oggi. E soprattutto la bellezza, é un’arma a doppio taglio, perché troppe persone si soffermano solo sul tuo aspetto, io diversamente guardo molto la mentalità”.

Tutti hanno un sogno nel cassetto. Il tuo qual è?                                                                                          “Viaggiare, vedere nuovi posti, conoscere nuove lingue, magari anche grazie al mio lavoro”.

Te ne sei andata al Nord per lavorare, a Milano; per quale motivo spesso non è possibile lavorare stabilmente a Napoli?                                                                                                                                      “Ma Napoli credo che nel campo della moda sia un mercato in crescita, gli devo molto perché mi ha dato buone opportunità. Ma penso che bisogna credere in quello che si vuole e quale città migliore di Milano per la moda…?

 Hai mai ricevuto una proposta indecente?                                                                                                       “Si, ma solo chi ha la consapevolezza di non valere nulla scende a compromessi”.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleBoys Caivanese, Liccardi stende il Mons Prochyta
Next articleS-conosciuti, il romanzo del caivanese Luigi Antonio Perrotta
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here