Home Politica Refezione scolastica, Coppola, Monopoli, Emione: nessuno è innocente…

Refezione scolastica, Coppola, Monopoli, Emione: nessuno è innocente…

2118
1
SHARE
mensa scolastica
mensa scolastica

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – E’ la mensa scolastica l’argomento politico più gettonato. Mentre il funzionario Vito Coppola ha ridotto a soli 4 mesi (era di 9) la proroga alla ditta dei fratelli Monaco che gestisce il servizio ininterrottamente da 20 anni, dopo il parere contrario del segretario comunale Giulia Risi, la giunta comunale, basta vedere la pagina Facebook di Simone Monopoli, canta quasi vittoria. Facile scaricare sul funzionario tutte le responsabilità, che pure ha, tipo il fatto di essersi dimenticato che la scuola inizia a settembre Da 50 anni…

Al di là della proroga, strumento da usare soli in casi eccezionali e non usuali, come accade invece al Comune di Caivano praticamente per tutti gli appalti da vari anni, perché il primo cittadino Simone Monopoli e la giunta, ricevuta da Vito Coppola il 3 luglio scorso la documentazione per bandire la gara, non l’hanno fatta andare subito avanti?

Cosa che sta avvenendo soli in questi giorni dopo le polemiche sui social network e le proteste dell’opposizione formata dall’ex assessore Emione e dal Pd, i quali chiesero ed ottennero di discuterne pure in consiglio comunale il delicato argomento. Per quale motivo il consigliere Emione non ricorda che fu proprio lui, quand’era assessore e sembra che allora Caivano sembrava la Svizzera visto che dei problemi cittadini ora solo se ne accorge, nel 2011 e nel 2012 con due atti di giunta municipale a stabilire le tariffe della mensa, poi aumentate un anno fa dal commissario Contarino, ma nel silenzio più totale? La regolare gara, poi, non si fa da almeno 4 anni…

Insomma, chi è veramente senza peccato, in questa ennesima poco edificante vicenda di malamministrazione, scagli la prima pietra…

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleSchiaffo a Monopoli, rimedia 4 mesi l’assalitore del sindaco di Caivano
Next articleLa Caivanese impatta in casa, pari col Casagiove
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

1 COMMENT

  1. CICLONI, BUFERE, DIMENTICANZE, ERRORI, QUANT’ALTRO SI PUO’ DIRE MA A QUANTO SEMBRA IL DIRIGENTE DEL V° SETTORE RESTA IMPERTERRITO AL SUO POSTO, NONOSTANTE GLI ERRORI?? COMMESSI PRIMA L’AMMINISTRAZIONE FALCO ED OGGI L’AMMINISTRAZIONE MONOPOLI NESSUNO TOCCA L’INTOCCABILE…..ALLORA C’E’ DA PORSI UNA DOMANDA: “CHI HA PAURA DEL DIRIGENTE”???

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here