Home Politica Luigi Sirico (Pd): l’amministrazione Monopoli è un caravanserraglio…

Luigi Sirico (Pd): l’amministrazione Monopoli è un caravanserraglio…

4209
0
SHARE

riceviamo e volentieri pubblichiamo

di LUIGI SIRICO, consigliere comunale Partito Democratico di Caivano

CAIVANO – Quali sono gli ingredienti minimi indispensabili per poter governare decentemente un paese, soprattutto se difficile come il nostro? Un paese agli ultimi posti della provincia di Napoli per reddito pro capite, che certa miopia politica e anche una certa grettezza provinciale, tipica dei contesti culturalmente più depressi, ha finito per spingere sempre più sull’orlo dell’abisso della povertà strutturale? Una mia opinione, ma credo unanimemente condivisibile, poiché dettata dal semplice buon senso: un gruppo dirigente responsabile e coeso, che abbia sufficienti competenze tecniche e che soprattutto condivida un progetto  di cambiamento e una visione di futuro per la comunità, che è chiamata a governare.

Come nasce l’attuale amministrazione ? Dalla voglia smodata e smisurata e quasi patologica di vincere le elezioni, ad ogni costo, e costi quel che costi. Se questo è l’obiettivo ciò che serve non sono le buone idee, né la competenza, né tantomeno la passione civica. Basta il sacro fuoco del tifoso e tanta gente, quanta più è possibile, da mettere insieme per la campagna elettorale, senza andare troppo per il sottile.  Ovviamente in questo modo non si costruisce una classe dirigente, ma piuttosto un caravanserraglio di gente che trova momentaneo riparo sotto uno stesso tetto, per provvisoria convenienza.

Chi ha viaggiato in Medio Oriente sa che il caravanserraglio è in genere un grande cortile racchiuso da mura, usato per la sosta delle carovane che attraversano il deserto. Sono luoghi a cui non ci si affeziona, dove si resta solo per un ricovero provvisorio e qualcosa da mangiare. Sono luoghi caotici, non governati, dove ogni avventore rischia di essere assalito nella notte e che ognuno si affretta a lasciare  appena possibile. Insomma un bivacco momentaneo. Ecco perché il termine caravanserraglio ha assunto il significato di “luogo di grande confusione”.

La condizione in cui versa l’amministrazione di Caivano è quella di un caravanserraglio, un luogo dove regna una grande confusione, politica ed amministrativa.

Adesso si sono inventati la fase due ovvero il cosiddetto rilancio dell’azione amministrativa. Frasi fatte senza alcun contenuto. La verità è che ci troviamo piuttosto in una fase tre, in cui a prevalere sono la lotta tra gruppi all’interno della maggioranza, dove ognuno sgomita  per marcare la propria presenza in giunta. In un clima da processo kafkiano consiglieri e assessori della maggioranza si lanciano accuse reciproche, anche a voce e pubblicamente, oltre che sulla stampa e sui network, in una diatriba incomprensibile e indecifrabile ai cittadini, i quali di tante chiacchiere inutili non sanno che farsene. Vorrebbero piuttosto qualche azione concreta per il paese.

Per questo continuare a parlare ancora di cambi di casacca, di richieste di assessorati e di dimissioni è stucchevole e inutile. Si tratta di dettagli, che sono la conseguenza di una causa che era già tutta scritta otto mesi fa. E francamente non mi appassiona neanche più di tanto la discussione intorno alla incapacità della maggioranza di garantire il numero legale per il regolare svolgimento del consiglio comunale, come è successo il 28 gennaio. Il problema è piuttosto di sostanza: questa maggioranza, dopo otto mesi, non è stata capace di portare in consiglio comunale nessuna proposta programmatica e strategica per il futuro di Caivano.

E’ stata invece la minoranza a porre al prossimo consiglio comunale alcuni temi non più rinviabili per il paese: il nuovo strumento urbanistico; finalmente  un piano di sviluppo per il commercio; una fiscalità agevolata per la nascita delle nuove attività commerciali nel centro storico; il collegamento con la nuova stazione ferroviaria di Afragola.

Siamo poi, quotidianamente, impegnati a scongiurare il pericolo che il disordine e la confusione del caravanserraglio, che  non è nel deserto né tantomeno è circondato da mura, possa rovesciarsi su tutto il paese e sulle sue istituzioni, spazzando via anche quel poco di buono che si è fatto.

Perché crediamo che nonostante tutto a Caivano siano ancora maggioranza i cittadini che vorrebbe invece vivere nell’ordine di un paese ben amministrato, con competenza, con sobrietà e con rigore, piuttosto che dover assistere sbigottiti a battibecchi, chiacchiere inutili e stucchevoli polemiche tutte interne alla maggioranza.

Eugenio Scalfari, in occasione della morte di Enrico Berlinguer, scrisse un articolo dal titolo memorabile: Straniero in patria. Chi erano gli stranieri in patria? Uomini seri come il comunista Berlinguer, come il repubblicano La Malfa, come i liberali Ernesto Rossi e l’azionista Ferruccio Parri. “ Erano stranieri in patria, rispetto all’Italia alle vongole” (cit.) delle clientele, del pressapochismo, della superficialità, delle chiacchiere, della vuota retorica dietro cui si nasconde in genere una grassa e arrogante ignoranza.

Ecco io credo che nel nostro piccolo, tanti caivanesi si sentano stranieri in questo caravanserraglio. Noi siamo tra quelli.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleCalcio. La Caivanese pareggia a San Giorgio
Next articleAltri due arresti da parte della Benemerita
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here