Home Primo piano COMMENTIReminescenze persecutrici

COMMENTI\Reminescenze persecutrici

1828
0
SHARE

DI PASQUALE LANNA

La memoria è quell’attività o facoltà psichica, che permette la registrazione, la conservazione e la rievocazione di avvenimenti ed esperienze psichiche anteriori. Essa è un insieme integrato e complesso che comprende fattori associativi e processi immaginativi di natura affettiva ed emotiva. Chiunque ha desiderato almeno per un attimo una memoria di “ferro”, per ricordare ogni cosa, ogni singolo istante dalla propria esistenza. Ciò è possibile, ma a quale prezzo? Ci sono solo ottanta persone al mondo che soffrono di HSAM (highly superior autobiographical memory). La “malattia” da cui secondo gli specialisti, scaturisce il ricordo di eventi autobiografici remoti con date e sensazioni ad essi connesse. Tra questi ottanta casi vi è quello di Rebecca Sharrok, una venticinquenne australiana, il cui caso è stato oggeto di vari studi. Rebecca afferma di ricordare a memoria tutti i libri di Harry Potter. Questa sua portentosa capacità le consente di ricordare soprattutto vicende ed emozioni ad esse collegate. Rebecca, purtroppo, non può e non sa dimenticare. Neppure gli episodi più orribili e sgradevoli della sua vita. Ella è un archivio vivente. Afferma perfino di ricordare quella volta in cui da piccola si è sbucciata il ginocchio. Di quel giorno ricorda ogni istante, come era vestita, cosa le disse il nonno, cosa provava. Quando rivanga quel giorno avverte perfino un dolore al ginocchio. Rebecca è perseguitata da una mole di ricordi, talvolta invadenti, che spesso se non con una radio accesa le impediscono addirittura di dormire. A pensarci bene però, tutto ciò è bizzarro, Rebecca disprezza la capacità che molti desiderano più di ogni altra cosa. È allora proficuo avere un hard-disk come memoria ? O è meglio poter obliare gli amari ricordi? Cari lettori, a voi la scelta…

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleIn distribuzione il numero 4 del giornale Caivano Press
Next articleI senatori Endrizzi e Nugnes all’I.t.i.s. ‘F.Morano’, grande partecipazione degli studenti
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here