Home Cronaca Scuola di via Necropoli, cinque minuti di terrore: il tifone provoca un...

Scuola di via Necropoli, cinque minuti di terrore: il tifone provoca un buco nel muro, danni gravi e tanta paura

13871
0
SHARE

img-20161007-wa0104

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – Bambini e finanche maestre che piangevano. Il tifone che stamane poco prima di mezzogiorno si è abbattuto su Caivano ha seminato terrore, soprattutto nella zona Nord-Ovest della città, mentre il resto del paese è rimasto praticamente illeso. Ecco il racconto di una maestra della “Bruno Ciari”, la scuola più colpita dal forte vento: “non ho fatto in tempo nemmeno ad avvisare i bidelli che si è abbattuto un vero e proprio ciclone, abbiamo vissuto momenti di paura, io piangevo, i bambini erano letteralmente spaventati, non mi è mai capitata una cosa simile in vita mia”.

Gli alunni sono stati spostati nei corridoi per sicurezza perchè tremavano le finestre, alcuni vetri si sono rotti infatti; in un’aula la lavagna ha provocato un buco nella parete, vari alberi sono stati spazzati via dalla furia della tromba d’aria. Sul posto, fra i primi ad accorrere, il consigliere comunale Mimmo Falco, che ha allertato i soccorsi: giunti poi i Vigili Urbani, i Carabinieri, la Protezione Civile, le Guardie Ambientali. L’edificio aveva subito già qualche danno stanotte per il temporale, i tecnici del Comune, fra cui Stefano Lanna e Vito Coppola, arrivati anche loro a via Necropoli causa la gravità dell’accaduto, hanno deciso di far sgomberare subito tutto e la scuola pure domani 8 ottobre verrà chiusa per riparare almeno i danni più gravi. Conteggio pesante anche a Caivano visto che nella zona colpita è volato via di tutto, anche tabelle dei negozi esposte a bandiera e cartelloni pubblicitari, e solo la sorte ha voluto che ci fosse un solo ferito, non grave peraltro. Centinaia le auto lese dai calcinacci caduti dagli edifici.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleTempesta a Caivano, due piccole trombe d’aria, alcuni tetti scoperchiati, albero cade alla “Papa Giovanni”, caos a via Necropoli
Next articleArresti a raffica dei Carabinieri: cinque persone di Caivano prese per spaccio dal nucleo di Castelllo di Cisterna
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here