Home Cronaca Il Consiglio di Stato pone la parola fine ai ricorsi sull’appalto Nu:...

Il Consiglio di Stato pone la parola fine ai ricorsi sull’appalto Nu: la Buttol rimane vincitrice

2507
0
SHARE
Rifiuti bretella Asi Caivano Unilever

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – Forse è finita la battaglia legale fra le ditte per il lucroso appalto dei rifiuti a Caivano, circa venticinque milioni di euro in cinque anni. Infatti, in primo grado il Tar aveva respinto il ricorso della Tekra, la società  arrivata seconda, perché per un cavillo burocratico la stessa non aveva avvisato del ricorso la vincitrice, ovvero la ditta Buttol srl. Nonostante ciò, il Comune di Caivano non ha ancora firmato il contratto d’appalto della famosa gara europea, tanto evocata dal sindaco Simone Monopoli; così la Buttol ha fatto ricorso al Consiglio di Stato nonostante il pronunciamento non sfavorevole in primo grado, ,

E la quinta sezione ha dichiarato inammissibile anche quest’ultimo ricorso in quanto manca il presupposto della soccombenza della Buttol (la ditta, non avendo perso alcun ricorso dinanzi al Tar, non può ricorrere al Consiglio di Stato per ribaltare una sentenza, come avviene normalmente, ndr). È vero che il Tar ha fatto delle osservazioni sul merito del ricorso, ma queste sono fuori luogo e non hanno alcuna portata vincolante nei confronti della stazione appaltante che sarebbe il Comune di Caivano, che non si è costituito in giudizio. Quindi, il Consiglio di Stato ha spiegato di non poter pronunciarsi nel merito ed ha suggerito che l’impugnazione deve essere fatta contro il provvedimento di autotutela del Comune di Caivano, l’unico strumento attualmente utilizzabile per rimuovere la lesione lamentata. Ora, non essendoci altri ostacoli dal punto di vista legale, il Comune dovrebbe assegnare finalmente e definitivamente questa “benedetta” gara europea dei rifiuti. A meno di sorprese…

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous article“Paneacqua Fest”: la festa del panino ad alta idratazione a Pomigliano d’Arco
Next articleSgominata la banda dei furti in costiera, era a Caivano formata da tre albanesi e un caivanese
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here