Home Cronaca Magistrati e separazione delle carriere, il Pm della Dda di Napoli Francesco...

Magistrati e separazione delle carriere, il Pm della Dda di Napoli Francesco Soviero: rischio di controllo da parte dell’esecutivo

942
0
SHARE

NAPOLI – La separazione delle carriere dei giudici, desiderata soprattutto dal centrodestra, è un argomento che è stato pomo della discordia dei rapporti fra politica e giustizia negli ultimi 25 anni. La legge non è stata mai approvata però ha diviso anche gli stessi magistrati, in gran parte contrari. Ma, ad esempio, il giudice Giovanni Falcone ed alcune note toghe erano d’accordo su ciò. Abbiamo sentito il parere di un magistrato in prima linea, Francesco Soviero, attualmente sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, da sempre impegnato contro il crimine in procure di frontiera: prima di approdare nel capoluogo partenopeo ha lavorato a Trapani e Nola.

“Il mio caso è un esempio: ho fatto il giudice per alcuni anni, magari occupandomi anche di criminalità organizzata, prima a Trapani, poi a Nola, dopo ho iniziato a fare il pubblico ministero. Tali esperienze hanno arricchito il mio bagaglio professionale e culturale e mi hanno aiutato a essere un magistrato più attrezzato professionalmente e più equilibrato. Già la legge del 2006 ha posto delle barriere, all’epoca del ministro Mastella, il passaggio oggi è più complicato ed è pure giusto che sia così. Rendere totalmente separate le carriere, come vuole una parte della politica e dell’avvocatura, e se ne parla ormai da tempo, secondo me ha dei vantaggi e degli svantaggi; un pubblico ministero autonomo e indipendente è una garanzia per tutti i cittadini, non solo per le persone offese, ma anche per gli imputati. Perché se il pm, così come il giudice, è soggetto soltanto alla legge e non all’Esecutivo, ha la possibilità concreta di fare indagini su tutti e rendere uguali tutti davanti alla legge.

Oggi, con gli strumenti che abbiamo, possiamo fare indagini non solo al povero extracomunitario, ma anche all’imprenditore facoltoso, politico influente o uomo di governo, perché noi giudici siamo autonomi e possiamo investigare a trecentosessanta gradi con le garanzie di autonomia e indipendenza riconosciute dalla Costituzione e dalle leggi. Con la separazione delle carriere, con due Consigli Superiori e quindi con due organi autonomi, si corre il rischio concreto che il pm dipenda dall’esecutivo, come in alcuni Stati quali l’America e in generali i Paesi Anglo-Sassoni, che però sono lontani socialmente, economicamente e culturalmente dalla nostra realtà, con meno corruzione e una burocrazia più efficiente. È difficile, perciò, cercare strumenti che appaiono più democratici ma in pratica non sono adeguati al nostro ordinamento”.

SHARE
Previous articleASI CAIVANO, inaugurato l’impianto di sollevamento delle acque reflue
Next articleAntonio Aversano secondo all’ Italian Talent Show 2017
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here