Home Altri Comuni Al Maschio Angioino, il festival Cortisonanti con l’Auditorium di Caivano

Al Maschio Angioino, il festival Cortisonanti con l’Auditorium di Caivano

1378
0
SHARE
Al Maschio Angioino, il festival Cortisonanti con l'Auditorium di Caivano
Al Maschio Angioino, il festival Cortisonanti con l’Auditorium di Caivano

Patierno,

NAPOLI – Sabato 18 novembre al Maschio Angioino si terrà l’ottava edizione di Cortisonanti, presentato dall’attrice Diane Patierno,  il festival internazionale del cortometraggio di Napoli, organizzato dall’associazione culturale AlchemicartS in collaborazione con l’Auditorium Caivano Arte/Gruppo Augusteo e 8MM Photo&Cinema Production. Il programma della giornata prevede il riconoscimento del festival diretto da Mauro Manganiello e Nicola Castaldo, dove saranno premiati i corti finalisti delle varie sezioni del concorso internazionale della produzione video e tematica libera.

Sono 1368 le opere iscritte al concorso, provenienti da oltre 70 paesi al mondo. Alle 5 categorie classiche – cortometraggi italiani, cortometraggi stranieri, documentari/reportage, videoclip musicali e sport – si sono aggiunti 2 contest, Social Short Web (4 lavori selezionati tra gli oltre 300 provenienti da 20 paesi europei scelti attraverso una votazione on line aperta a tutti) e 8 giorni di bagordi – InstantShort Movie Contest.

Cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Totò

In occasione del cinquantesimo anniversario dalla scomparsa di Totò, 8 giorni di bagordi ha visto 4 troupe impegnate nella realizzazione di un video della durata di 6 minuti, prodotto in 8 giorni di lavoro, che rende omaggio al Principe della risata.

I temi scelti

I temi scelti per i quattro lavori presentati in anteprima assoluta a New York lo scorso 23 ottobre, sono:

  • “Miseria e nobiltà”
  • “Malafemmena”
  • “Totò diabolicus”
  • “‘A livella”

A Neapolitan Dream

Nel cortile del Maschio Angioino, saranno allestiti degli stand dove poter effettuare le operazioni di set ed editing per lo svolgimento dell’atto finale (ultimo Ciak) del cortometraggio “A Neapolitan Dream”, prodotto da AlchemicartS Graphic & Animation, per la regia di Vincenzo De Sio. Nata da un’idea di quest’ultimo, l’opera – un mix di live action in Green Screen e Cartoni Animati – vede la partecipazione del pittore ed artista Walton Zed (impegnato nella realizzazione delle animazioni grafiche e della post produzione) e dell’attore e regista Mariano Rigillo, oltre alla presenza di alcuni studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Statale Giovanni XXIII di Salerno, in qualità di attori protagonisti.

I protagonisti

Alla chiusura dei laboratori seguirà l’incontro/seminario con l’attrice Maria Bolignano, protagonista di “Made in Sud”. Tra gli ospiti presenti alla serata conclusiva di questa edizione ci saranno Arturo Sepe, Giovanni Esposito (protagonista del cortometraggio “Pazzo&Bella”), Marco Zurzolo (che premierà il vincitore della sezione VideoClip Musicali), Antonio Vitale (un altro giovane di Caivano) e i protagonisti dei cortometraggi in concorso.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleInseguimento a via de Gasperi, distrugge i paletti e scappa sul marciapiede
Next articleUn tour nella barberia più cool di Caivano, Head Bang
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger e social media manager. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Vice segretario nel direttivo del SUGC (Sindacato Unitario Giornalisti Campania). Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con varie emittenti televisive per interviste e servizi. Ha collaborato come blogger per Fanpage, dal 2012 al 2019, e ha fondato il blog "Respirando Rosa". Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here