Home Altri Comuni Napoli, un convegno per ricordare la docente di cultura cinese Anna Maria...

Napoli, un convegno per ricordare la docente di cultura cinese Anna Maria Palermo

516
0
SHARE

di LAURA MASSARO

NAPOLI – Per celebrare il ricordo di Anna Maria Palermo, docente di “Letteratura cinese moderna e contemporanea” presso l’università “L’Orientale” di Napoli, venuta a mancare il 22 luglio 2017, venerdì 26 gennaio alle ore 17 è stato organizzato un grande evento in suo onore. Intitolato “Tra Napoli e la Cina” ed organizzato dall’Istituto Confucio, del quale è stata vice-presidente, esso avrà luogo presso Palazzo Corigliano a piazza San Domenico Maggiore, precisamente nell’aula delle Mura Greche.

Il programma prevede inizialmente il saluto da parte di Elda Morlicchio, rettrice dell’università degli studi di Napoli “L’Orientale”; alle 17.30 l’intervento di Paolo Graldi, editorialista del “Messaggero” e “Il Mattino”, e a seguire la perfomance di Peppe Barra, con l’accompagnamento musicale del maestro Giorgio Mellone. Interveranno anche Lucia Caterina, Domenico De Masi, Paola Paderni, Luisa Prudentino e Lida Viganoni. Le letture saranno a cura di Cristina Donadio e Gaia Riposati, mentre il video sarà realizzato da Fabrizio Bancale.

Anna Maria Palermo si è laureata nel 1967 presso l’Istituto Universitario Orientale, al corso di laurea in “Lingue e Civiltà Orientali”. Dal 1968 al 1970 ha vissuto a Parigi dove ha approfondito i suoi studi sulla letteratura cinese del Novecento fino alle ultime avanguardie, usufruendo di una borsa di studio italiana e partecipando al movimento del “Maggio ‘68”.

Al rientro da Parigi le è stato assegnato all’Orientale l’incarico per l’insegnamento di “Lingua e Letteratura cinese” che, nel 1973 e fino al 1980, è diventato un incarico stabilizzato. Dal 1973 al 1974 ha studiato a Pechino presso il “Beijing Yuyan Xueyuan”, oggi università di lingua e cultura cinese di Pechino, con una borsa di studio del governo cinese. Nel 1980 è diventata professoressa associata di “Letteratura cinese moderna e contemporanea”, insegnamento che ha mantenuto fino al 2010, anno del suo pensionamento anticipato.

Nell’autunno del 1985 ha partecipato a Pechino al “I Congresso degli Scrittori Cinesi”. Nel gennaio 1993 è stata nominata dal Ministero degli Esteri Italiano, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Pechino ed ha ricoperto la carica fino alla fine del 1996.Dal 2003 la docente si è recata regolarmente in Cina una o due volte l’anno e ha seguito le trasformazioni epocali del grande paese asiatico.

Prima come consulente della Regione Campania, poi, dal dicembre 2007, come vice-presidente dell’Istituto Confucio fondato in quella data presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale, ha continuato a mantenere vivo il suo rapporto con la Cina e i cinesi.

Dal 2010 è stata chiamata a dirigere lo stesso Istituto Confucio in seno all’Orientale e ha ricoperto tale carica fino alla sua scomparsa il 22 luglio 2017.“I linguaggi della contemporaneità”, da lei concepito e realizzato con cinque edizioni, ha rappresentato, a partire dal 2010, un’importante finestra sulla cultura cinese, antica e recente.

SHARE
Previous articleA quattro anni dalla morte ricordato Michele Liguori, una vita spesa contro l’inquinamento
Next articleIeri su Caivano 22mm d’acqua, meteo positivo ad inizio settimana
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here