Home Cronaca Via Caputo, i danni continuano e le proteste triplicano…

Via Caputo, i danni continuano e le proteste triplicano…

2342
0
SHARE
Via Caputo, i danni continuano e le proteste triplicano...

Quasi ogni giorno, ci arrivano in posta dei messaggi di cittadini che si lamentano di continui problemi esistenti a Caivano. Non sanno a chi appellarsi, stanchi della disorganizzazione vigente, alle prese con una città che non è affatto a “misura d’uomo”, diventa un’esigenza fondamentale la nostra, dare loro delle risposte. La questione dibattuta è quella di via Caputo, che sta mostrando tutte le criticità, dalle strade dissestate ai possibili crolli di appartamenti.

VIDEO: Ecco cosa accade a via Caputo

Una cittadina ci scrive sostenendo che la casa dei suoi genitori si trova proprio nei pressi dello stabile che sta crollando e che è stato isolato dal resto degli altri edifici, per la messa in sicurezza. I lavori in corso non sempre sono rapidi e gestiti in modo da evitare ulteriori danni. Infatti gli interventi che sono stati fatti, pare che non abbiano risolto il problema delle infiltrazioni d’acqua. La zona di riferimento è via Caputo 29, il tratto in cui la strada è stata chiusa. Quando piove, l’acqua tende ad accumularsi e a fare da ristagno nei pressi dell’abitazione della cittadina, andando a peggiorare la situazione del possibile crollo per le fondamenta ormai andate…

 

“Mio padre ha cercato di farlo notare all’operaio del comune – sostiene così Valeria Galdieri – e quest’ultimo molto maleducatamente gli ha detto di farsi gli affari suoi perché non capiva niente e che avrebbe scommesso lo stipendio sul fatto che quel lavoro avrebbe risolto il problema. Insomma pure le offese.”

Nel video, si sente la voce di Ilaria, sorella di Valeria, che spiega perfettamente cosa accade ogni volta che piove. Non ci sono nemmeno le condizioni di un dialogo civile tra chi dovrebbe garantire “la sicurezza” alla cittadinanza, ovvero i delegati comunali e i cittadini. Insomma un puro caos. Si spera in un intervento efficace, perché il pericolo di crollo è ancora imminente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here