Home Cronaca Creato un nuovo parco giochi alla Milani grazie al lavoro di Carmine...

Creato un nuovo parco giochi alla Milani grazie al lavoro di Carmine Peluso

2093
0
SHARE
Creato un nuovo parco giochi alla Milani grazie al lavoro di Carmine Peluso

Abbiamo scritto pochi giorni delle condizioni in cui versava il plesso scolastico Lorenzo Milani sito a via Bellini. La scuola primaria era circondata da aiuole mal curate con erba alta, da bloccare quasi il passaggio agli studenti. Per i bambini che soffrivano di allergia, in questo periodo, la situazione era davvero insostenibile.

L’appello ad un’opera di “salvataggio” delle aiuole, con lavori di giardinaggio (taglio erba, pulitura area adibita al passaggio) è stato accolto dall’ex consigliere comunale, Carmine Peluso. Già durante la sua attività politica, l’ex consigliere era intervenuto diverse volte per operare laddove ci fosse bisogno, soprattutto nelle scuole.

Gli interventi alla Scuola Milani

Stavolta, lontano dalle diatribe dell’ex amministrazione, laddove le elezioni politiche sono ormai una faccenda da rimandare ad un futuro a posteriori, Carmine Peluso ha deciso di intervenire non solo mettendo a nuovo l’area, ma di creare anche un piccolo parco giochi per gli allievi della Milani. Un lavoro che è stato gestito direttamente da lui a sue spese, senza chiedere fondi o interventi comunali, che come sappiamo richiedono lunghi tempi burocratici, soprattutto ora che negli uffici comunali pervade il caos dopo lo scioglimento del consiglio comunale.

Mi è bastato chiamare un amico che si occupa proprio di opere di giardinaggio e di commissionargli il lavoro. In poco tempo e con soluzioni semplici – così argomenta Carmine Peluso-  si possono risolvere dei grossi problemi alla cittadinanza. Sono per le cose pratiche che portano a dei risultati concreti”. 

Gallery

Senza perdere di mira gli obiettivi importanti per la salute e la tutela dell’infanzia, l’intervento ha conferito al plesso scolastico Milani un aspetto migliore con delle aiuole pulite, un parco giochi ed una dimensione “a prova di bambini”, grazie a chi ha voluto ancora credere nel futuro di questo paese.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here