Home Primo piano Caivano sempre più la città del cornetto Algida di qualità

Caivano sempre più la città del cornetto Algida di qualità

3168
0
SHARE

La fabbrica del gelato (Algida) di Caivano ha il più grande impianto d’Europa per capacità produttiva ed è il primo polo in assoluto per la produzione del Cornetto, icona alimentare del made in Italy dagli anni ’60 a oggi.

L’Unilever ha investito fortemente per l’azienda di Caivano che oggi conta circa 700 dipendenti, vengono prodotti 2,6 milioni di gelati al giorno con una produzione media annua di 1,4 miliardi di pezzi prodotti.

La scelta fatta da diversi mesi, poi, è stata eccezionale dal punto di vista qualitativo e per l’economia nazionale. Il cornetto e gli altri gelati verranno prodotti esclusivamente con latte italiano e per quanto riguarda la produzione di prodotti di nicchia e con caratteristiche più specifiche verrà utilizzato il latte Zymil, ad alta digeribilità e prodotto dalla Parmalat a Caiazzo in provincia di Caserta.

Il cornetto quindi è prodotto con latte italiano, le nocciole arrivano dal Piemonte, la cialda è fatta sempre nello stabilimento campano, resta solo il cioccolato che è di provenienza francese, ma già si sta cercando quello italiano di altissima qualità.

Caivano quindi si fa conoscere nel mondo per la produzione di gelati d’eccellenza con materie prime d’elite.

Il Cornetto nasce a Napoli nel 1960

1953-Inaugurazione-degli-stabilimenti-Spica-di-via-Gianturco.-Foto-di-Riccardo-Carbone.
1953-Inaugurazione-degli-stabilimenti-Spica-di-via-Gianturco.-Foto-di-Riccardo-Carbone.

Il Cornetto non tutti sanno che nasce a Napoli nel 1960 dal gelataio Spica, come si legge anche sul sito ufficiale del Cornetto Algida::“Di solito si pensa che dietro Cornetto ci sia un brevetto o un’invenzione rivoluzionaria, mentre la realtà non è che una bellissima e unica storia d’amore. Spica, un gelataio di Napoli, era un vero appassionato di gelato e ne adorava la consistenza cremosa, il gusto delizioso e la qualità degli ingredienti. Quando si ama qualcosa, non può che riuscire bene. Un giorno Spica trovò il modo per condividere la sua passione per il gelato con il mondo intero, creando una formula che non poteva fallire. Ebbe l’idea geniale di ricoprire l’interno del cono con uno strato di cioccolato, in modo che la cialda si mantenesse croccante anche una volta riempita di gelato. Fu grazie a questa incredibile trovata che nacque “Cornetto”! Da allora chiunque lo volesse potè godersi un delizioso e croccante Cornetto. Questa bellisima storia d’amore ci ha resi tutti più felici e Cornetto è uno dei gelati più famosi al mondo.”

Ecco l’articolo integrale su IlSole24Ore del 19 Maggio 2018

Il Sole 24 Ore Unilever
Il Sole 24 Ore Unilever

 

SHARE
Previous articleScippata in via Delle Rose mentre va al mercato
Next articleSantuario di Campiglione, il campanile rischia il crollo…
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here