Home Politica De Vivo tiene aperto il mercato con la nube dell’incendio. Non va...

De Vivo tiene aperto il mercato con la nube dell’incendio. Non va il suo operato

2559
0
SHARE

L’intervento dello Stato a Caivano dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale, grazie a cui è stato nominato il commissario prefettizio Vincenzo De Vivo non ha portato sicuramente benefici.

C’è continuità dall’ultima amministrazione cittadina sciolta per infiltrazioni camorristiche e il lavoro svolto dai commissari (ne sono 7 in tutto, uno in meno della ex giunta Monopoli, ndr) che dopo quasi un anno poco ha cambiato rispetto ai predecessori.

Dopo la relazione sull’esito degli accertamenti ispettivi volti  a  verificare la sussistenza dei presupposti per l’adozione del provvedimento di cui all’art. 143 del decreto legislativo n. 267/2000, la  commissione d’indagine ha, prioritariamente, acquisito copiosa documentazione sulla quale è stato effettuato  un esame generalizzato dell’attività posta in essere dagli uffici del Comune di Caivano, che  ha  consentito di verificare modus operandi e criticità. dei vari settori.

Nulla è cambiato nella macchina amministrativa, anzi…

Nessun rispetto per i caivanesi

Dopo il maxi rogo nella zona industriale di Pascarola, poco o nulla è stato fatto per i cittadini, solo in serata una insipida ordinanza dove veniva copiata la comunicazione dell’Asl Napoli Nord.

E mentre il commissario con questa ordinanza vietava di sostare in strada, le attività ludiche, il territorio era abbandonato senza vigilanza, senza comunicazione e addirittura con il regolare svolgimento del mercato comunale dove si vendono generi alimentari a cielo aperto e di tutti i campi estivi. Non si è avuta nemmeno l’dea di chiudere gli uffici comunali di Pascarola, ovvero dove ci sono la biblioteca e la villetta comunale, nonostante la cenere che cadeva dall’alto con i dipendenti sul posto di lavoro.

Non vi è stato controllo nè prima e nemmeno dopo l’incendio, aziende alimentari che lavoravano tranquillamente, negozianti che espongono frutta e verdura sui marciapiedi, mentre la popolazione e i lavoratori stessi si lamentavano.

La visita del sottosegretario Spadafora è stata provvidenziale, ha osservato le criticità e pare che abbia anche redarguito il commissario De Vivo, che è passato ufficialmente sotto la lente di ingrandimento del governo.

Il lavoro del commissario verrà analizzato

La macchina comunale cammina come prima, stessi dirigenti ai soliti posti di comando, città paralizzata e sempre più in crisi dal punto di vista della pulizia. Il lavoro del commissario De Vivo dopo quasi un anno è al vaglio e pare che la lista delle cose anomale sia ampia e sotto la lente d’ingrandimento della Prefettura.

Caivano merita di più!

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleAPOCALISSE DEL FUOCO\Si indaga sulla pista dolosa, sequestrata la fabbrica
Next articleMancanza d’acqua, non sarà interessato il Comune di Caivano
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here