Home Cronaca Nell’isola ecologica strumenti per la differenziata pagati 120mila € e mai usati

Nell’isola ecologica strumenti per la differenziata pagati 120mila € e mai usati

1108
0
SHARE

A Caivano si è sempre avuta la volontà di raggiungere un buon risultato sulla raccolta differenziata, almeno si è speso per tentare di raggiungere un buon esito, ma alla fine si sono sempre e solo spesi soldi della collettività per poco o nulla.

Nel 2013 il Comune di Caivano avviava una procedura per la fornitura di attrezzature per l’incremento della Raccolta differenziata presso l’isola ecologica di Via Rosselli. Si decise di acquistare delle macchine che pesavano il prodotto da riciclare e stampavano uno scontrino al cittadino che poteva man mano accumulare sconti per il pagamento della Tari.

La fornitura veniva affidata da parte del Responsabile del Settore Tutela Ambientale Dott. Stefano Lizzi alla ditta FABER S.r.l. di Napoli con finanziamento con i fondi della Prefettura di Napoli per un importo di € 120.000,00 + IVA.

isola ecologica Caivano

Le attrezzature furono stoccate per diverso tempo presso la stessa FABER e poi in parte anche presso l’isola ecologica. Nel 2015 durante la gestione del settore Tutela Ambientale del Dott. Vito Coppola tutte le attrezzature furono istallate presso l’isola ecologica e doveva partire una campagna di sensibilizzazione affinché i cittadini invece di abbandonare sulle vie pubbliche plastica cartone e alluminio, avevano la possibiltà di conferire presso l’isola ecologica ottenendo qualche premialità.

Nel frattempo l’amministrazione Monopoli non espresse chiare linee guida sulla problematica e impegnati sulla gara europea per i rifiuti non pensò in nessun modo alla differenziata e a questa strumentazione.

Alla ditta FABER S.r.l. sono state liquidate due fatture per gli impianti di € 96.471,00 iva inclusa e € 21.212,00 iva compresa.

Le attrezzature sono nell’isola ecologica da tre anni, la ditta è stata regolarmente liquidata ma non è stato ancora attivano il servizio. Se veramente a qualcuno interessa l’incremento della differenziata potrebbe far funzionare quello che già è in possesso della collettività caivanese.

Nuova sfida per il neo commissario dott. Fernando Mone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here