Home Politica Liberi Cittadini denunciano il fallimento dello Stato a Caivano

Liberi Cittadini denunciano il fallimento dello Stato a Caivano

367
0
SHARE
Liberi cittadini - Di cosa volere parlare?
Liberi cittadini - Di cosa volere parlare?

Manifesto critico di Liberi Cittadini verso i commissari che la scorsa settimana hanno indetto un incontro con le forze politiche cittadine escludendo associazioni, movimenti e altre forze politiche locali.

Anche non essendo stati invitati – si legge – Liberi Cittadini si farà sentire dinanzi al fallimento dello Stato nella gestione di Caivano, nonostante la gestione Commissariale nulla è cambiato.

Liberi Cittadini
Liberi Cittadini
  • Il costo della refezione scolastica è aumentato;
  • la percentuale della raccolta differenziata è drasticamente diminuita;
  • le strade sono piene di buche spesso allagate;
  • la Tari è arrivata a 8 milioni e 140 mila;
  • i roghi continuano ad essere appiccati;
  • i vigili sono sempre meno;
  • la Protezione Civile è stata smantellata;
  • il progetto della videosorveglianza abbandonato;
  • il personale comunale è allo sbando.

Il manifesto termina con un interrogativo inevaso: DI COSA VOGLIAMO PARLARE?

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleRubati estintori in un condominio privato sul corso Umberto
Next articleA Nola, Io Donna – Nessuna Conseguenza. Ospite la preside Carfora
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here