Home News Condanna definitiva per la banda che faceva assalti ai portavalori e rapine

Condanna definitiva per la banda che faceva assalti ai portavalori e rapine

2245
0
SHARE
Condanna definitiva per la banda che faceva assalti ai portavalori e rapine

Dopo due anni di indagini, si conclude l’operazione che ha portato alla condanna definitiva agli autori della banda che nel 2016 fece una rapina ai danni di un furgone di una società di trasporto valori, lungo la strada provinciale Caivano-Acerra. Si trattò di una rapina con almeno dieci uomini armati di pistole (7 erano presenti sul luogo, altri 3 erano coinvolti in attività extra), fucili e armi d’assalto come Kalashnikov, con volto travisato, rubando circa 20.000 euro, senza riuscire ad impossessarsi di un bottino maggiore a cui aspiravano, che era presente nella cassa blindata, nel furgone.

Tra gli autori dei reati, ricordiamo, Andrea De Falco (10 anni) di Caivano, Vincenzo Graziano (9 anni)di Melito, Liborio Castaldo (6 anni) di Caivano, Antimo Grazioso (8 anni) di Caivano, Andrea Russo (9 anni) detto Pitaffio di Caivano, Giuseppe Massaro (6 anni) del Caivano Parco Verde e Pietro Brillante (5 anni) di Caivano. Francesco Castaldo (10 anni) di Afragola e Vincenzo Mariniello (4 anni), Antonio Mormile (4 anni).

In totale gli imputati del processo svolto col rito abbreviato davanti al gip del tribunale di Napoli Nord Antonino Santoro hanno incassato 71 anni di carcere.

Le indagini

I Carabinieri di Casoria a febbraio 2017 intercettarono e bloccarono un furgone in transito condotto da uno degli indagati che riuscì una volta abbandonato il veicolo a fuggire nelle campagne. All’interno di esso, i militari trovarono alcuni borsoni con delle armi, destinate ad un impiego imminente in una azione di carattere predatorio già pianificata.

Per alcuni degli indagati, è stato scoperto che erano coinvolti in una seconda associazione per delinquere, dedita alla commissione di furti in abitazione e presso attività commerciali site in Caivano e zone vicine, tra le quali alcune gioiellerie.

I capi d’imputazione, a vario titolo contestati, vanno dal reato associativo, alla detenzione ed al porto di armi da guerra, armi comuni da sparo ed armi clandestine con relativo munizionamento, ricettazione delle armi e dei furgoni destinati alla commissione dei reati, rapine tentate e consumate, furti tentati e consumati.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleAlla Milani si discute delle dipendenze di nuova generazione
Next articleArrestato 45enne nel Parco Verde, sequestrate 30 dosi di marijuana
Enza Angela Massaro
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger, social live strategist. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con Capri Event per interviste e servizi. Blogger Fanpage. Nel tempo libero si concede un po' di shopping e qualche serata tra gli amici. Nel tempo riflessivo si dedica alla lettura di saggi di psicologia e alla visione di film impegnati. Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here