Home Cronaca Incendio deposito alimentari, la dinamica dell’accaduto

Incendio deposito alimentari, la dinamica dell’accaduto

1894
0
SHARE

E’ successo tutto in poco tempo, all’alba. Un volontario delle Guardie Ambientali, proveniente dalla zona Scotta, ha notato del fumo nero espandersi dalla zona del Corso Umberto I.

L’uomo, come tutti i giorni, stava andando a lavoro, e allarmatosi ha raggiunto il luogo interessato. C’era una famiglia spaventata nel chiedere aiuto, affacciata ad un balcone di una palazzina al primo piano (recentemente ristrutturata). L’edificio ospita cinque famiglie, ed è stato coinvolto dall’incendio, che si è originato all’interno di un deposito di alimentari, del tarallificio “Iazzetta”, ubicato a pochi metri.

La dinamica

Uno spettacolo raccapricciante, fumo ovunque, le fiamme alte e la paura di non riuscire ad intervenire in tempo. Il volontario delle Guardie Ambientali di Italia (sezione staccata di Caivano) ha chiamato i Vigili del Fuoco, attendendoli sul luogo dell’accaduto, per poi recarsi a lavoro.

Sono arrivate tre autobotti dei Vigili del Fuoco di Afragola, e così la famiglia è stata evacuata. Durante le operazioni di salvataggio, due pompieri sono entrati nell’edificio attraverso la scala mobile per mettere in salvo i bambini, ma uno dei due è rimasto ferito. L’uomo è stato soccorso e condotto in un ospedale vicino, per accertamenti. Le sue condizioni di salute sono regolari. Anche la famiglia è stata salvata in tempo e nessuno ha subito danno.

Nel frattempo è arrivata la Polizia Municipale, che ha dato il via alle procedure di rito per la messa in sicurezza. E’ stata transennata l’area critica e sono iniziate le prime indagini da parte degli inquirenti. Sono arrivati, infatti, anche i Carabinieri della Tenenza di Caivano.

Si è sospettata, inizialmente, la natura dolosa dell’incendio da parte dei presenti.  Una “reazione di pancia”, probabilmente, dovuta a tanti episodi recenti di cronaca nera (racket ed estorsioni) a danno di commercianti di paesi limitrofi.

Al contrario, dopo i vari rilievi è stata vagliata l’unica ipotesi plausibile: un corto circuito causato da prese elettriche di scarsa qualità, che non avrebbero retto la tensione. Il deposito è stato murato. Le indagini continuano.

 

 

 

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleIncendio capannone alimentare, iniziano i primi controlli
Next articleNei prossimi giorni la decisione sull’abbattimento del palazzo di via Caputo
Enza Angela Massaro
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger, social live strategist. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con Capri Event per interviste e servizi. Blogger Fanpage. Nel tempo libero si concede un po' di shopping e qualche serata tra gli amici. Nel tempo riflessivo si dedica alla lettura di saggi di psicologia e alla visione di film impegnati. Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here