Home Cronaca Nuovamente sul piede di guerra i dipendenti della Buttol

Nuovamente sul piede di guerra i dipendenti della Buttol

447
0
SHARE

L’ultima crisi della raccolta dei rifiuti a Caivano c’è stata ad inizio luglio quando gli operai in accordo con i sindacati avviarono la procedura di raffreddamento e conciliazione come da legge.

Gli operai si videro tagliare dei compensi dalla busta paga oltre al ridimensionamento dei ticket mensa, poi dopo l’accordo del 18 luglio 2019 rientrò lo sciopero e ci vollero diversi giorni per far tornare alla normalità Caivano.

Nel frattempo ci fanno sapere che l’azienda non ha provveduto al saldo economico agli operai non rispettando gli impegni presi con i sindacati.

Ora i dipendenti chiederanno ai sindacati di proclamare il nuovo sciopero da comunicare anche alla commissione straordinaria, con Caivano che potrebbe tornare nuovamente piena di cumuli ad ogni incrocio.

Il clima di conflittualità tra gli operai e l’azienda potrebbe nuovamente avere ripercussioni su tutta la cittadinanza caivanese.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleIncendio nei pressi della Cappella San Giorgio, diossina a pieni polmoni
Next articleTutela alla salute, prima l’esenzione ticket ora il degrado ambientale…
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here