Home Altri Comuni Miss Grand International, seconda tappa a Mirea Sorrentino

Miss Grand International, seconda tappa a Mirea Sorrentino

389
0
SHARE

CASTELLO DI CISTERNA – Un concorso di bellezza femminile nella stazione della Circumvesuviana, ristrutturata da poco, e dedicata alle donne vittime della violenza. E’ anche per questo motivo che l’amministrazione comunale di Castello di Cisterna, domenica sera 21 luglio, presente al completo con il sindaco Aniello Rega, e grazie al contributo di sponsor privati, ha voluto promuovere la tappa di Miss Grand International del patron nazionale Giuseppe Puzio e regionale Crescenzo De Carmine.

A vincere la selezione è stata Mirea Sorrentino (fascia Miss Svapoweb, nella foto sotto), residente a Pompei, 21 anni, alta 175 cm, taglia 40, che insieme alle altre fasciate approda alla finale regionale. “Sono davvero lusingata, non me l’aspettavo, ma sono contenta, il mio obiettivo è far conoscere la mia associazione che si occupa di clown terapia”; ha dichiarato a caldo sul palco la prima classificata; piazza d’onore per la napoletana Federica Gioiello, 17enne, alta 1 e 72, taglia 40 (Miss Ap Tricosistem); terzo posto per un’altra partenopea, Fatima Noemy Bencini di Casalnuovo, anche lei 17enne, altezza 178 centimetri, taglia 42, insignita della fascia di Cuppari Couture; quarto posto per una ragazza di Afragola, Chiara Pierro (Miss Pubblistar 2000) 22enne, taglia 42, alta 1.67; quinta posizione appannaggio di Vincenza Catapano, anche lei, manco a dirlo napoletana, (abita a Terzigno) ha 18 anni, porta la taglia 38 per un’altezza di 1.73, la quale ha vinto la fascia di Miss Donare…è amore, l’associazione Onlus di beneficenza della presidente Pina Pascarella partner del concorso; ultima qualificata per la finale regionale Caterina Onofrio che giocava in casa in quanto di Castello di Cisterna, 25enne, alta 1.77 taglia 42, fascia di Miss Castello di Cisterna, ovviamente.

Premiata anche la Miss Mascotte, scelta fra le ragazze che per limiti d’età non possono concorrere a Miss Grand International. Ha vinto l’italo-brasiliana Stefany Santos 14enne di belle speranze, la quale è stata una delle ragazze scelte da Lucia Cassini, membro della giuria insieme a registi e rappresentanti del mondo dello spettacolo, per interpretare la fiction “Ischia”.

Durante la serata si sono esibite varie scuola di danza e la trasformista Laura Matrone. Per iscriversi al concorso basta cliccare sul sito ufficiale www.missgr23andinternationalitaly.it

Gli organizzatori ringraziano i seguenti sponsor: TF Costruzioni srl, Dr Carburanti, Le Gemme del Vesuvio, Opificio 84, Romano Srl, Stardeco Ar Luminarie Srl, Afiero Srl, Bar Martini, Sama gas, Columbus, Gran Beccheria Nicola Russo e Ianuale Costruzioni.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleDimentica l’auto con le chiavi inserite, alcuni ragazzini chiamano i vigili urbani
Next articleCane ferito, cittadini e vigili urbani lo fanno ricoverare in una struttura specializzata
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here