Home Cronaca COLPO DI SCENAPer l’Asl i siti di Caivano oggi non sarebbero idonei...

COLPO DI SCENA\Per l’Asl i siti di Caivano oggi non sarebbero idonei per smaltire le ecoballe

1355
0
SHARE

CAIVANO – Il verbale è stato redatto dopo 5 ore di ispezione. Secondo l’Asl Napoli Nord i quattro siti della ditta Di Gennaro e della Pontin, scelti dalla Sapna, attualmente presentano molte anomalie e quindi non sarebbero, almeno oggi, idonei a ospitare le 15mila tonnellate di ecoballe, per cui è in fibrillazione tutta la popolazione.

I tecnici sono stati accompagnati da Giuseppe Di Gennaro, Iuri Bervicato e Nino Navas, fra i massimi rappresentanti del consorzio degli industriali, i quali si stanno opponendo in tutti i modi all’arrivo dell’ennesimo carico di spazzatura su un territorio martoriato. Stamane hanno fatto arrivare sul posto anche i loro legali pur di scongiurare l’arrivo delle ecoballe.

Il colpo di scena però l’ha regalato l’Asl redigendo un duro documento (pubblicato sul nostro contatto Facebook de “il giornale di Caivano”), il quale indirettamente bacchetta la Sapna, la quale con molta sbadataggine addirittura aveva indicato come sito di stoccaggio la cosiddetta area 3 (quella andato a fuoco a luglio dell’anno scorso, ndr) ancora inaccessibile in quanto sotto sequestro giudiziario, quindi comunque inutilizzabile. Ma a Napoli nessuno si è ricordato del fatto, evidentemente nella fretta di scaricare tutti i rifiuti della metropoli nella povera Caivano. Inoltre, la stessa Asl ha riscontrato della documentazione mancante. Adesso vediamo cosa succede: in teoria la Sapna dovrebbe rinunciare a tutti i siti di Caivano, fino a quando non si faranno i lavori di idoneità e si metterà la documentazione a posto, ovvero bel oltre i 40 giorni per cui rimarrà chiuso l’inceneritore di Acerra, sperando che la spazzatura sia portata altrove. Ma non sono escluse altre sorprese.

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleGiacinto Russo: ‘Non è la gloriosa Boys Caivanese nel campionato Promozione’
Next articleMiss Grand International, finale interregionale a Montesarchio
Francesco Celiento
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here