Home Primo piano Don Antonio Corvino va in pensione, al suo posto un caivanese

Don Antonio Corvino va in pensione, al suo posto un caivanese

5844
0
SHARE

Il grande Don Antonio Corvino raggiunge la pensione e lascerà la chiesa di Sant’Antonio ai Cappuccini il prossimo 4 ottobre dopo 47 anni.

Don Antonio Corvino anni ’70

Al suo posto un gradito ritorno, Don Vincenzo Marino caivanese del 1966 ordinato sacerdote nel 1991 quando era alla parrocchia di Pascarola, ora è parroco a Trentola Ducenta in provincia di Caserta.

Don Vincenzo Marino 1991

La chiesa di Sant’Antonio, come si legge nelle ‘Testimonianze per la memoria storica di Caivano’ è situata in Largo Plebiscito è stata eretta nel dopoguerra del 1944 nella chiesa dello Spirito Santo, attigua al fabbricato dell’ex Convento dei Cappuccini. Il tutto divenne demanio comunale a seguito della Legge napoleonica del 13/2/1807 con la quale vennero soppressi gli Enti Ecclesiastici del Regno di Napoli.
Il vescovo Mons. A. Teutonico, con Decreto Vescovile, eresse nel 1943 la chiesa suddetta in parrocchia e l’inaugurazione avvenne precisamente il 19 Marzo 1944

I Parroci della Chiesa di Sant’Antonio
1 – Sac. Luigi Vitale (1943-1946)
2 – Sac. Giuseppe Vitale (1946-1972)
3 – Sac. Antonio Corvino (1972 ad oggi)

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleCon settembre arriva anche la pioggia
Next articleMorto mentre lavorava in una serra per il forte caldo, era di Caivano
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here