Home Cronaca Morto mentre lavorava in una serra per il forte caldo, era di...

Morto mentre lavorava in una serra per il forte caldo, era di Caivano

7259
0
SHARE

Un bracciante agricolo, di 55 anni, Pasquale Fusco di Caivano è morto probabilmente per il caldo mentre lavorava sotto una serra per la coltivazione di meloni, a Varcaturo, frazione di Giugliano, in provincia di Napoli. I fatti risalgono a mercoledì scorso ma la notizia si è appresa solo oggi. L’uomo, secondo quanto hanno accertato i carabinieri che indagano sul caso, era impiegato in nero.

Il titolare dell’azienda agricola, un uomo di 50 anni, è stato denunciato per utilizzo di manodopera non in regola, omicidio colposo e violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro. La salma dello sfortunato bracciante è stata trasferita all’istituto di medicina legale dell’università “Federico II”, dove sarà eseguito l’esame autoptico. Le indagini sono condotte dai carabinieri della caserma di Varcaturo, coordinati dal maresciallo Procolo Petrungaro.

I carabinieri del posto insieme a quello del nucleo dell’ispettorato del lavoro, hanno sanzionato l’imprenditore agricolo anche per irregolarità relative alle norme igienico-sanitarie.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleDon Antonio Corvino va in pensione, al suo posto un caivanese
Next articleEcoballe, settimana decisiva. Massima attenzione di industriali e commissari
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here