Home Cronaca Rifiuti: Gli operai sono in sciopero e la ditta si tira fuori

Rifiuti: Gli operai sono in sciopero e la ditta si tira fuori

773
0
SHARE

Caivano nuovamente piena di spazzatura, questa mattina gli operai del cantiere di Caivano sono in sciopero, cosa che accadrà anche domani come da comunicazione della scorsa settimana. La ditta Buttol ha espressamente e ufficialmente comunicato il disimpegno dall’appalto, ma tutto continua rimanere nella massima criticità, con le scelte della commissione che tardano ad arrivare.

In mezzo, come al solito, i cittadini che pagano una tassa alta senza beneficiare del servizio.

Questa la nota di ieri della Buttol

Ancora una volta la Buttol resta vittima di dinamiche estranee all’azienda, che riguardano in particolare le politiche messe in campo dall’ente nei confronti dei dipendenti e dell’atteggiamento dei sindacati che continuano a proteggere situazioni al limite. La Buttol a Caivano ha comunicato di voler risolvere il rapporto con il Comune già da qualche mese, la commissione straordinaria ha chiesto alla Buttol a restare almeno fino al 31 dicembre, mentre i sindacati continuano a tutelare le posizioni di alcuni dipendenti. La Buttol in questi anni ha sempre onorato tutti gli impegni economici con gli stessi lavoratori: è bene ricordare che i lavoratori di Caivano non vantano alcuna mensilità arretrata, anche se da anni l’azienda non riceve il canone per intero e si ritrova ad anticipare puntualmente gli stipendi, non ultimo quello che sarà pagato domani nonostante le diverse mensilità arretrate del Comune. Alla luce di tutto questo, i dipendenti continuano ad assumere un atteggiamento ostruzionistico nei confronti dell’Azienda, tutto a danno dei cittadini di Caivano.

L’azienda sta facendo il possibile, anche con mezzi e uomini aggiuntivi, per assicurare una raccolta degna nella città di Caivano. Evidentemente non è questo l’interesse dei dipendenti, che mirano soprattutto a costringere la ditta, come è stato palesemente chiesto, a ritirare le denunce in capo agli stessi operai che si sono astenuti dal servizio, ponendo in essere un atteggiamento di violazione delle legge per quanto riguarda l’interruzione di pubblico servizio.

La Buttol non si ferma e va avanti con la sua battaglia di legalità. L’attività di rispetto delle leggi e di gestione efficiente di un sistema così delicato prosegue, l’Azienda non si piegherà ai ricatti. L’ennesima proclamazione di sciopero dei dipendenti del cantiere di Caivano evidenzia come gli stessi non abbiano a cuore le sorti della città stessa, dove lavorano e risiedono.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleLa fiaccola della speranza il 25 ottobre con partenza dal Parco Verde
Next articleLa festa nazionale dei bambini a Genova con le mamme di Caivano
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here