Home Cronaca A fuoco i rifiuti depositati a via Diaz. Ora intervenga lo Stato!

A fuoco i rifiuti depositati a via Diaz. Ora intervenga lo Stato!

1166
0
SHARE

Sempre peggio! Dopo che il mucchio di rifiuti è stato per più di una settimana a crescere all’esterno del campo ‘Faraone’ di Caivano, a via Diaz, con tante segnalazioni di mosche, puzza e ratti, questa sera il grosso cumulo è stato incendiato da persone non identificate con l’arrivo dei Vigili del Fuoco poco dopo.

Questa mattina che l’intero territorio doveva essere rassettato da tutti i rifiuti presenta ancora diversi cumuli con grandi proteste dei cittadini.

A Napoli nel 2011 fu necessario l’intervento dei militari. La crisi a Caivano persiste oramai da mesi, con la commissione straordinaria che è impotente davanti ad un problema che ha diverse sfaccettature. I cittadini però non possono più attendere, la situazione, senza offesa, è da terzo mondo nonostante non ci sia la politica a governare, ma uomini del governo.

Il governo centrale che conosce a fondo la situazione caivanese dovrebbe dare un segnale forte, bisogna fare delle scelte, altrimenti tutti a casa!

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleTrianon Viviani incontra il pubblico, presentazione stagione 2019/2020
Next articleDroga nascosta in un paletto, arresto al Parco Verde
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here