Home Cronaca ‘Caivano Open Days’, la Camera di Commercio potrebbe escludere Caivano

‘Caivano Open Days’, la Camera di Commercio potrebbe escludere Caivano

1997
0
SHARE

Il Comune di Caivano, come altri comuni della provincia di Napoli, ha ottenuto un cospicuo finanziamento per realizzare una serie di iniziative culturali, beneficiando di due tipi di contributi.

Il primo denominato ‘Caivano Open Days’ finanziato dalla Camera di Commercio di Napoli per 25.000 €, il secondo denominato ‘Caivano terra di arte, musica e tradizione’ finanziato dalla Città Metropolitana di Napoli per 55.000 €.

det 1110 Caivano open days

Il primo progetto, finanziato dalla Camera di Commercio, prevede la realizzazione di visite guidate al Castello medioevale, una mostra mercato in piazza Cesare Battisti e palazzi aperti ai cittadini, oltre alla degustazione di vini nelle frazioni di Caivano. Inoltre è indicato nel progetto la serata con ‘Caivano moda event’ al Castello con sfilata di moda.

det 1111 Caivano terra di arte musica e tradizioni

Il secondo progetto, finanziato dalla Città Metropolitana, secondo quanto previsto nella scheda progettuale, dovrebbe svolgersi nelle giornate di venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 dicembre 2019.

La prima giornata dovrebbe utilizzare il teatro Caivano Arte dove andrebbe in scena lo spettacolo teatrale’ Sette vizi napoletani’, nella giornata di sabato, invece, sono previste visite guidate al Castello Medioevale con la presenza di attori e guide in costume.

In piazza Cesare Battisti dovrebbe, invece, avvenire una mostra con i prodotti gastronomici locali. Contemporaneamente il Palazzo Marchesale e il Palazzo Capece saranno, invece, aperti per visite guidate e alle 17,30 degustazioni di vino nelle frazioni di Caivano.

Domenica serata di balli in piazza Cesare Battisti alle 19,00 mentre alle 21,00 il concerto musicale.

Questo ricco programma, almeno teorico, porterebbe alla spesa totale dei 80.000 €.

Rispetto a quanto previsto dai due progetti e quanto pubblicizzato dall’Ente mediante locandina e volantini pubblicitari si nota come sia stato totalmente disatteso quanto progettato, infatti tutto è stato ridotto in tre iniziative in due giornate, con diversi eventi doppi (copiati) in entrambi i progetti e i finanziamenti.

Da aggiungere anche il discorso delle luminarie istallate sul territorio cittadino, ma per questa vicenda verrà fatto uno speciale tra qualche giorno, con tanti numeri per i cittadini caivanesi.

Diverse le anomalie

In primis quindi progetti non veritieri e poco vicini alla progettazione, oltre all’autorizzazione della sicurezza negli eventi pubblici che non c’è stata in data 11 dicembre 2019. (diniego della commissione)

Nonostante per i 25,000€ la presa d’atto della concessione è avvenuta il 12 novembre 2019, mentre per i 55,000 € la presa d’atto della concessione è avvenuta il 21 novembre 2019, non è stata pubblicata sul portale ufficiale del Comune di Caivano nessuna manifestazione d’interesse per i fornitori, come avvenuto anche per brevi periodi, per gli altri comuni, ma la dirigente ha provveduto ad affidamenti diretti dei servizi.

Affidamento diretto anche alla comunicazione dell’evento, dove non compaiono gli eventi da cronoprogramma presso la Camera di Commercio di Napoli, e dove vi sono elencati molteplici servizi che pare non esistenti a poche ore dal probabile evento e descritti nella determina n.1131 del 5 dicembre 2019.

Le denunce

Da alcuni giorni il plico con le anomalie è già stato spedito alla Camera di Commercio di Napoli che ha preso visione che il programma presentato dal Comune di Caivano è stato disatteso completamente, infatti il responsabile dell’Area Promozione, il dott. Roberto Parisio ha paventato la possibilità di estromettere Caivano dai fondi stanziati.

A breve la stessa segnalazione partirà per la Città Metropolitana di Napoli e in special modo per la Corte dei Conti di Napoli.

Non si comprende però come in un comune commissariato da tre prefetti, nessuno prenda provvedimenti e faccia chiarezza su vicende del genere. Caivano ha bisogno di trasparenza e legalità e se nemmeno è visibile quando non è amministrata dalla politica la cosa diventa abbastanza preoccupante.

Si spera in una conferenza stampa della commissione Straordinaria che possa chiarire, se possibile, la situazione.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleInveste una donna e scappa, grave incidente a via Diaz
Next articleRitrova un borsellino al mercato e lo consegna ai vigili urbani
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here