Home Cronaca “Caivano open days” comunicazione inesistente dell’evento

“Caivano open days” comunicazione inesistente dell’evento

1790
0
SHARE

Questa mattina è partita l’ iniziativa denominata “Caivano open days” ammessa al finanziamento con Determinazione Dirigenziale della Camera di Commercio n. 512 del 12/11/2019 che doveva allietare il Natale 2019. All’apertura in piazza non era presente ne la dirigente comunale e nemmeno i commissari.

L’evento diviso in due giorni non ha avuto l’autorizzazione per la sicurezza sia nel 2019 e nemmeno nel 2020, ma la ditta scelta dalla dirigente Anna Damiano ha fatto una scia per concedere a solo 200 persone la visione degli spettacoli.

Purtroppo scriviamo ancora per evidenziare che quello scritto nei capitolati certificata dalla responsabile del procedimento, la dottoressa Anna Damiano non coincidono alla verità nell’atto pratico.

Il capitolato per la comunicazione degli eventi

piano comunicazione eventi natale 2019 costi
piano comunicazione eventi di Natale 2019

Come si evince, e ricordiamo che l’affidamento alla ditta è stato fatto in modo diretto e senza manifestazione d’interesse, per € 5.460,00 IVA al 22 % per un importo totale di € 7.000,00 si doveva:

Il Piano di Comunicazione si compone di diverse attività e strumenti, in un’ottica cross
mediale:
progettazione di un’immagine coordinata, unitaria e identitaria del territorio (brand
image);
– creazione di materiali di comunicazione sulla base dell’immagine coordinata del
progetto, da distribuirsi anche in occasione di eventi e fiere regionali, nazionali e
internazionali (produzione di materiale promozionale cartaceo tradizionale (depliant,
mappe, brochure, Cartelloni 6×3; manifesti 70X100, inviti, comunicati stampa, etc…);
– pianificazione media integrata e multicanale;
– realizzazione di media partnership con testate locali e nazionali;
– azioni di comunicazione attraverso i canali social e digitali.

Tranne qualche post su Facebook e alcuni manifesti errati affissi a dicembre nulla più, quindi nessuna comunicazione locale, figuriamoci regionale o addirittura nazionale.

In piazza alcuni manifesti corretti con una striscia adesiva attaccati alle transenne.

Manifesto corretto con nastro su uno sbagliato

Attendiamo il pagamento della fattura e le varie rendicontazioni e capire anche le risposte dei commissari rispetto a questa vicenda.

I caivanesi non hanno l’anello al naso…

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleNon ce l’ha fatta l’uomo colpito da infarto ieri alla guida dell’auto
Next articleTerra dei Fuochi, summit dei vescovi. Costa: “In arrivo 50 investigatori”
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here