Home Cronaca Presa la banda che fece il colpo alla Unicredit di Aversa.

Presa la banda che fece il colpo alla Unicredit di Aversa.

4131
0
SHARE

Sono 8 gli arrestati – residenti tra Aversa (Caserta), Caivano, Pomigliano, Afragola, Acerra, nel Napoletano, e Nocera Inferiore (Salerno), fra i 39 e i 55 anni – ritenuti gli autori clamoroso furto compiuto  dello scorso 22 novembre ai danni della filiale della banca Unicredit di Aversa.

I banditi utilizzarono sette 7 camion e 3 le autovetture utilizzate per bloccare gli accessi nella zona della centralissima piazza Vittorio Emanuele, dalla quale portarono via un’intera parete con circa novanta cassette di sicurezza e una cassaforte.
Il colpo ha permesso ai delinquenti di portare via contanti per circa 500mila eurogioielli, orologi d’orotitoli di credito e anche lingotti d’oro.

 Fondamentali per gli investigatori si sono rivelate le immagini di sorveglianza registrate da sofisticate telecamere che hanno consentito di scoprire che una delle auto e un camion erano stati rubati alla stessa persona, la quale faceva parte della banda, prendendo parte al colpo. Da lì sono stati identificati e rintracciati tutti gli altri complici.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleBoato poco dopo l’una sentito a Caivano, bomba nella vicina Afragola
Next articleOperazione antidroga, 24 arresti, alcuni con Rolex e reddito di cittadinanza
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here