Home News La storia di Caivano. ‘For a Tavern’

La storia di Caivano. ‘For a Tavern’

1765
0
SHARE

All’angolo dell’attuale corso Umberto I con via Rosselli era definito ‘For a Tavern’. In quel posto vi era la taverna più antica di Caivano, per taverna si intendeva il luogo dove si mangiava, beveva, dormiva e per i più danarosi era possibile passare una notte in dolce compagnia.

Re Ferdinando II

Qui, nei pressi del palazzo Capece, il Re Ferdinando II sostava proveniente da Napoli e diretto alla Reggia di Caserta. 

Raffaele De Cesare racconta che tutte le volte che il sovrano passava per Caivano in quel posto lo aspettavano poveri e meno abbienti per chiedergli l’elemosina, erano quasi sempre gli stessi e il Re dotato di buona memoria li conosceva quasi tutti e ad ognuno aveva dato un nome: o’cecat, o’ stuort, a’ zullosa, mentre il più malizioso era Giuseppiell Auremma, detto Peppiniell a’ zuccullell, abitava nel vicolo Andirivieni a San Giovanni che dopo aver ricevuto la solita piastra approfittando della sosta per il cambio cavalli, correndo speditamente fino alla rotonda di san Nicola la Strada si cambiava il cappellaccio e richiedeva di nuovo l’elemosina. Una volta il regnante lo riconobbe e gli disse: ‘Zuccullè si arrivat primm e me?’

Fino ad inizio dell’ottocento il luogo era frequentato alle prime luci dell’alba da braccianti che fermi attendevano i proprietari terrieri nella speranza che quella mattina sarebbe toccato a loro portare qualcosa a casa. La scelta era abbastanza singolare, infatti venivano toccati i muscoli delle braccia per verificare se era abilitato a svolgere il faticoso compito.

Fra i braccianti era d’uso dire: ‘Domai esco a’Tavern (vado a cercare lavoro). Oggi la stessa sorte tocca ai giovani di colore che si possono trovare alla rotonda del vecchio mulino.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here