Home News Bonus vacanze: tutto quello che c’è da sapere

Bonus vacanze: tutto quello che c’è da sapere

1253
0
SHARE

Bonus Vacanze, fino a 500 euro in aiuto di famiglie e delle aziende del settore turistico, pesantemente colpito dall’emergenza sanitaria del Coronavirus e dai suoi riflessi economici devastanti.

La proposta potrebbe essere una vera e propria manna dal cielo per l’economia italiana, soprattutto per il settore turistico, settore chiave della nostra economia, in particolar modo con l’avvicinarsi della stagione estiva. Ma vediamo meglio di cosa si tratta e perché ci sono molte criticità.

Come funziona il bonus vacanze?

Il bonus vacanze è destinato alle famiglie con un Isee non superiore a 40 mila euro per i pagamenti legati a servizi offerti in Italia dalle imprese turistico ricettive ( è necessario che il soggiorno sia effettuato in ambito nazionale presso imprese turistico ricettive, agriturismo e bed & breakfast in possesso dei titoli prescritti dalla normativa nazionale e regionale. Non devono intervenire intermediari (ad esempio prenotazioni tramite piattaforme online) salvo che trattasi di agenzie di viaggio o tour operator.)

La somma erogata sarà di:

  • 150 euro per single;
  • 300 per 2 persone;
  • 500 euro per nuclei familiari con almeno 3 componenti.

Il Bonus verrà erogato in modo un modo un po’ particolare:

  • l’80% delle somme sopra esposte sarà utilizzato come sconto direttamente nelle strutture turistiche aderenti;
  • il 20% sarà recuperato come detrazione d’imposta in fase di dichiarazione dei redditi.

Le strutture turistiche saranno rimborsate attraverso un credito d’imposta che potrà essere utilizzato in compensazione fin da subito.

Il bonus è utilizzabile una sola volta è non può essere frazionato. (quindi, ad esempio, se spetta un bonus di 500 euro, non sarà possibile suddividere il beneficio in più soggiorni presso più strutture o anche presso la stessa struttura).

Come richiedere il Bonus?

Per utilizzare il bonus vacanze è necessario innanzitutto essere possessori di identità digitale, scaricare un’apposita app che il ministero dei Beni culturali e del Turismo dovrebbe presentare metà giugno. Una volta scaricata l’app ed effettuato l’accesso attraverso identità digitale, sarà possibile scaricare un qr-code spendibile nelle strutture aderenti.

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleAntonio Angelino e il movimento civico “Caivano Conta”: in accordo o in antitesi con il Partito Democratico?
Next articlePubblicata la graduatoria per il sostegno al fitto
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here