Home News Istanze buoni alimentari solo a mezzo PEC: i cittadini sprovvisti costretti a...

Istanze buoni alimentari solo a mezzo PEC: i cittadini sprovvisti costretti a pagare i Caf!

1121
0
SHARE

Raccontare quello che succede, ogni giorno, a Caivano è diventato davvero un paradosso senza fine.

Il Comune di Caivano ha riaperto i termini per la richiesta dei buoni spesa per le famiglie, per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità come misura di solidarietà per il covid-19, ma questa volta solo per chi non ne ha già fruito in occasione del primo bando.

Dopo, che a causa dell’inefficienza degli uffici delle Politiche Sociali si creò grande confusione che sfociò in una grande ressa, la dottoressa Carmen Ponticelli ha pensato di eliminare la consegna a mano presso l’ufficio protocollo e di consentire l’inoltro della domanda, solo ed esclusivamente, a mezzo Pec!

Ad oggi, non solo la Commissione Straordinaria non ha provveduto ad integrare le famiglie escluse a causa di un errore dell’ufficio protocollo, non solo non ha sanzionato i colpevoli che hanno lasciato alcune famiglie senza buoni in piena crisi epidemiologica, ma sta anche avallando con il proprio silenzio la scelta della capo settore Ponticelli.

Molti cittadini, indigenti, non hanno computer né Pec personali, per questo costretti a recarsi presso i Caf e a pagare per l’inoltro della Pec, per non parlare della speculazione di chi addirittura sta aprendo le Pec alle famiglie indigenti per l’inoltro della domanda ad un costo di € 20,00.

Ancora una volta l’interesse pubblico viene completamente sovrastato da quello privato. I cittadini non possono presentare istanza all’ufficio protocollo, ma si vedono costretti a pagare per un servizio “imposto”!

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleDomani una zona di Caivano senza acqua fino alle 14,00
Next articlePalo della pubblica illuminazione cade a via de Gasperi
Ciro Pisano
Quando si agisce cresce il coraggio, quando si rimanda cresce la paura. Il suo percorso giornalistico è una continua azione a colpi di penna e battute: così ha deciso di far crescere il coraggio in lui. Ama definirsi un giornalista scomodo e amante della verità. Ciro Pisano, giornalista pubblicista dal 2018, ha studiato e si è formato come addetto alla comunicazione, in particolare modo a quella legata a progetti sociali. Diverse le collaborazioni che lo hanno portato al mondo dell’informazione e del giornalismo, da sempre impegnato nel giornalismo di frontiera e legato ai grandi movimenti di sinistra. Fautore del blog adaltavoce.eu, collaboratore nel passato con ilgiornaledicaivano.it ha collaborato con entusiasmo a più riprese con linterferenza, blog d’informazione libera ed indipendente!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here