Home Eventi&Spettacoli Le storie di Caivano: la necropoli preromana di Caivano. 2a puntata

Le storie di Caivano: la necropoli preromana di Caivano. 2a puntata

681
0
SHARE

Del ritrovamento di reperti in antiche tombe a Caivano oltre a parlarne il settimanale di attualità Il Secolo Illustrato del marzo 1928 come già scritto:

Le storie di Caivano: la necropoli preromana di Caivano scoperta dal vigile Vincenzo Masara

Un approfondimento venne fatto anche sul settimanale La Domenica del Corriere del 20 maggio 1928. L’articolo dal titolo L’antichità che torna alla luce. Le tombe preromane a Caivano racconta:

A Caivano, presso Napoli, in contrada Padula, nel fondo di proprietà del Cav Alessio Cafaro (Alessandro ndr), podestà di Caivano, in uno spazio relativamente limitato sono state scoperte cinque tombe, la cui esistenza, dai competenti, si fa risalire a 300 anni prima della venuta di Cristo.

Le loro dimensioni lasciano credere che i resti umani che esse contenevano, e che si sono trovati in gran parte polverizzati, dovevano essere di non comuni proporzioni. In queste fosse sono stati rivenuti vasi, anfore, piatti, lucerne, lacrimatoi, portaprofumi in terracotta, dipinta a colori vivissimi, in uno stato di meravigliosa conservazione.

Cav. Uff. Alessandro Cafaro (Sindaco Caivano 1926-27; Podestà 1927-32)

Secondo il prof.Maiuri, sovrintendete dell’Arte antica, in quel posto doveva sorgere la necropoli acerrana. Gli oggetti appartengono all’arte campana e sono fatti a imitazione ellenica.

Gli scavi possono avere grandissimo valore, giacchè in quel posto potrebbero essere scoperte tombe di maggiore importanza e cioè tombe di donne con dentro gioielli, e di bambini con entro giocattoli.

E’ noto infatti che in quel tempo remotissimo si usava seppellire con i corpi dei defunti, gli oggetti che essi in vita avevano tenuto più cari. Le tombe scoperte finora appartengono senza dubbio a guerrieri e questo è dimostrato dall’esistenza in esse di lance.

Le sepolture scoperte sono rettangolari, costruite in tufo e lastroni di cemento, ma di fattura molto accurata. Sono disposte simmetricamente a distanza di tre o quattro metri una dall’altra, e tale simmetria convalida l’ipotesi che non si tratti di un gruppo isolato di tombe, ma di una vera e propria necropoli, la quale, a giudicare dai precedenti ritrovamenti fatti nelle vicinanze sarà indubbiamente molto più estesa.

In ciascun sarcofago si è rivenuto un corredo di vasi lacrimali figurati di armi di ferro e di anfore che gli antichi solevano seppellire accanto alle salme.

Gli oggetti sono una cinquantina in tutto. Si notano due belle anfore alte circa 50cm dalla superficie ancora miracolosamente liscia e lucida con figure bianche su rosso. Sono in perfetto stato di conservazione e con grande vivacità di colori.

Si notano poi vasi dello stesso tipo anche figuranti, bianco su rosso e rosso su nero, un bruciaprofumi con filtro, qualche vaso di terracotta nera, e poi una varietà di unguentari, balsamari, anfore ad ansa, a manico, a colonnette, a piattelli.

L’importantissima scoperta ha molto interessato i competenti, e i lavori saranno subito ripresi dal personale della Sovrintendenza dei monumenti e Scavi.

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleParte il corso di formazione sul monitoraggio dei corsi d’acqua
Next articleBando Fitti 2019, approvata la graduatoria definitiva
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here