Home Cronaca Coronavirus, ora si rischia la chiusura a Caivano. 31 i positivi.

Coronavirus, ora si rischia la chiusura a Caivano. 31 i positivi.

16770
0
SHARE

La situazione dei contagi da coronavirus a Caivano si è fatta seria negli ultimi giorni e dopo le ultime comunicazioni da parte dell’Asl Napoli 2 nord si rischia addirittura la chiusura del paese o comunque decisioni nette da parte della commissione straordinaria.

Caivano potrebbe diventare zona rossa, ad oggi i contagi sono 31. Dopo gli ultimi 16  casi della scorsa settimana ora si aggiungono, una coppia di cittadini non italiani di 66 e 68 anni, quattro uomini di 78, 52, 44 e 40 anni, cinque ragazzi di 30, 28, 24, 20 e 19 anni, tre ragazzi non italiani di 43, 31 e 30 anni e un bambino di 8 anni.

Alcuni dei positivi al coronavirus di Caivano risultano lavoratori della Imac di Pascarola e come si apprende da Fan Page un nuovo focolaio di coronavirus è stato scoperto nella azienda di macellazione avicola: 20 dipendenti, sottoposti al tampone rinofaringeo, sono risultati positivi (8 di Caserta e gli altri residenti a nord di Napoli). Proseguono gli accertamenti sugli altri dipendenti, 50 di questi sono già risultati negativi.

 

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleM5S: differenziata, servizi e manutenzione nel Parco Verde
Next articlePubblicata la settima e ultima graduatoria del bonus #conlefamiglie
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here