Home News Rifiuti abbandonati per strada, un cittadino denuncia il degrado

Rifiuti abbandonati per strada, un cittadino denuncia il degrado

943
0
SHARE

Stanco di vedere rifiuti abbandonati per strada che presto saranno materia per i futuri roghi tossici, un cittadino di Caivano, Domenico Laurenza, come attivista e portavoce del comitato “Stop Biocidio Caivano” si è recato al Comune per protocollare un esposto.

Al documento, sono state allegate foto in cui si evidenzia l’abbandono e lo sversamento illecito di rifiuti nell’area campestre prossima alla strada ex SS87, a 50 metri dal Parco Verde.

L’area interessata, più volte soggetta al fenomeno dei roghi tossici, come accaduto d’estate, è stata già segnalata alla Tenenza dei Carabinieri di Caivano il 29 agosto.

La tempestività di un intervento può prevenire altri incendi. I cittadini, ormai stanchi di aspettare che qualcosa cambi, si stanno mobilitando come meglio possono per difendersi da un “nemico invisibile” che dopo anni continua ancora a distruggere l’ambiente e a provocare vittime.

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleCovid: 88 i casi positivi al momento. Al ‘Morano’ situazione sotto controllo
Next articleProseguono a rilento i parziali lavori al ‘Faraone’, mentre la Caivanese è senza campo
Enza Angela Massaro
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger e social media manager. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Vice segretario nel direttivo del SUGC (Sindacato Unitario Giornalisti Campania). Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con varie emittenti televisive per interviste e servizi. Ha collaborato come blogger per Fanpage, dal 2012 al 2019, e ha fondato il blog "Respirando Rosa". Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here