Home News Diritto allo studio da garantire, l’appello degli studenti del Dipartimento di Farmacia

Diritto allo studio da garantire, l’appello degli studenti del Dipartimento di Farmacia

744
0
SHARE

Non ci stanno gli studenti del Dipartimento di Farmacia della Federico II, a vedersi esami annullati pochi giorni prima della sessione e soprattutto con un tiro alla fune con i docenti per la didattica a distanza o in presenza.

La tendenza è che si tende a rimandare da parte del corpo docente la sessione d’esame “in attesa di tempi migliori” per poter sostenere gli esami in sede, data la loro riluttanza nella modalità di svolgimento degli esami di profitto a distanza.

L’inizio dei corsi universitari previsto per ottobre, come ogni anno, viene confermato ma con diversi punti interrogativi. Per tutti i corsi universitari (fatta eccezione per i corsi a scelta, che saranno esclusivamente online) è prevista una modalità blended sincrona: tutti gli studenti hanno la possibilità di poter seguire da casa, chiedendo opportunamente un esonero tramite un modulo online vista la situazione emergenziale, oppure di prenotare la presenza in aula, nel rispetto delle misure anticovid vigenti (aule riempite al 50% massimo).

Nonostante ciò, alcuni docenti non nascondo la loro preferenza per la presenza in aula, esprimendo molto spesso il loro disappunto per la scelta dello studente di seguire da casa.

La situazione peggiora quando i docenti riunitisi in consiglio di dipartimento ritengono opportuno di svolgere gli esami di profitto esclusivamente in presenza, rendendo evidente la poca preoccupazione per la situazione emergenziale in cui ci si ritrova tutt’ora.

Alla luce di questa decisione si evidenziano le difficoltà del dipartimento: le aule non sono sufficienti per poter contemporaneamente svolgere esami di profitto e tenere i corsi in modalità blended sincrona e questo porta alla decisione più drastica ovvero l’eliminazione dell’appello di novembre a poco meno di un mese dallo stesso, appello aperto a tutti gli studenti ormai da 4 anni.

Si decide di riservare lo stesso ai soli studenti in debito dell’ultimo esame, in primo luogo, e in seguito a diverse sollecitazioni anche agli studenti fuori corso.
Un appello improvvisamente cancellato perché i docenti non preferiscono la modalità di svolgimento di un esame di profitto a distanza.
Gli studenti ricevono le date degli esami con soli 15 giorni d’anticipo e a pochi giorni dal proprio esame attendono ancora disposizioni da parte del corpo docente circa le modalità di svolgimento degli stessi, atteggiamento che porta inevitabilmente all’impossibilità di potersi presentare alla seduta d’esame con una preparazione adeguata.


Con l’istituzione della “zona rossa” in Campania, la sessione di novembre viene necessariamente resa telematica, e data la prevedibilità della cosa, poteva essere aperta a tutti gli studenti dal primo momento.

Quindi il tempo di preparazione dei diversi esami, che includono le sessioni di ottobre/novembre e gennaio/febbraio, viene dimezzato e diversi studenti si ritrovano a dover preparare quasi otto esami in due mesi.

Il caso è quasi comune a tutti gli iscritti all’ateneo, a tal punto da diramare una nota, che è stata già diramata alle sedi governative opportune, per tutelare i propri diritti. Gli studenti chiedono la possibilità di poter redistribuire in maniera più efficiente ed adeguata le date degli esami seguendo le direttive della Scuola di Medicina e Chirurgia a cui afferisce il Dipartimento, di poter svolgere gli esami in modalità on line, come previsto dal MIUR, e soprattutto che non vengano sospese le diverse sessioni, di poter essere informati in anticipo sulle modalità e sulle date (non quindici giorni prima degli esami) e che i docenti possano venire incontro alle loro esigenze, in termini di tempistiche adeguate, date le difficoltà della didattica a distanza, causata dall’epidemia ancora in corso.

Infine, sarebbe opportuno far intercorrere un periodo minimo tra un appello e l’altro di 20-25 giorni per consentire un’adeguata preparazione finalizzata all’accesso a tutti gli appelli, in ossequio al Regolamento Didattico di Ateneo, visto che, secondo dati reperibili dal sito Almalaurea in relazione ai corsi di laurea del Dipartimento di Farmacia per l’ultimo anno accademico 2018/2019, solo il 30% circa degli studenti di ciascun corso di laurea del Dipartimento riesce a laurearsi in corso

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleReddito di emergenza, i primi pagamenti a partire dal 27 novembre
Next articleNel 1986 Caivano abbracciò Maradona con incredibile entusiasmo
Enza Angela Massaro
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger e social media manager. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Vice segretario nel direttivo del SUGC (Sindacato Unitario Giornalisti Campania). Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con varie emittenti televisive per interviste e servizi. Ha collaborato come blogger per Fanpage, dal 2012 al 2019, e ha fondato il blog "Respirando Rosa". Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here