Home Primo piano Comune di Caivano: più proroghe che gare

Comune di Caivano: più proroghe che gare

608
0
SHARE

Nel luglio 2016 si insediava presso il Comune di Caivano una commissione d’accesso nominata dall’Anac (autorità nazionale anti corruzione) diretta a quel tempo dal magistrato Raffaele Cantone.

Compito della commissione era quello di svolgere una attività ispettiva preso i vari uffici comunali in relazione ad una mala gestio nella conduzione della casa pubblica.

Il periodo di riferimento dell’indagine della commissione era relativo agli anni 2014, 2015 e 2016. Dopo mesi di accertamenti e l’audizione di tutti i funzionari del comune, la commissione concluse i propri lavori, rassegnando ai vari organi competenti una relazione nella quale evidenziava incongruenze, illegittimità e violazioni di norme nella conduzione di diversi servizi comunali.

In particolare la commissione evidenziò come fosse diventata pratica costante il ricorso alle cosiddette proroghe tecniche in luogo di una corretta programmazione di gare ad evidenza pubblica.

Da allora sono passati oltre quattro anni e poco sembra cambiato. neanche la commissione straordinaria che ha gestito la macchina comunale negli ultimi tre anni è riuscita ad invertire la tendenza. Il gravoso compito spetta adesso al neo sindaco Falco e alla sua amministrazione da poco insediatasi a cui spetta realizzare una vera e reale discontinuità col passato più recente.

Nel frattempo il sindaco Falco con propria ordinanza (n° 3083 del 29/10/2020) ha prorogato per nove mesi il servizio di igiene urbana alla ditta Green Line.

Il responsabile del settore ragioneria e finanza dott. Sirico ha prorogato con propria determina (N 1555 DEL 30/12/2020) il servizio di tesoreria comunale alla ditta Sogert fino al 30 giugno 2021.

Incombe un’ulteriore proroga in favore della ditta che gestisce il servizio di pubblica illuminazione, altre proroghe sono state disposte per il servizio di sorveglianza degli immobili comunali, del servizio di pubblicità e affissione, dello smaltimento dell’umido.

Una cattiva prassi, segno di nessuna programmazione, che occorrerà interrompere per impedire che si ripetano gli errori del passato.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleF.I.: ‘Il Covid non diventi il paravento per le mancanze dell’amministrazione’
Next articleRitrovata grazie al satellitare Panda rubata a Caivano dopo inseguimento
Pasquale Gallo
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here