Home News Reddito di Emergenza, al via le domande dal 7 al 30 aprile

Reddito di Emergenza, al via le domande dal 7 al 30 aprile

83104
0
SHARE

In tanti ad attendere aggiornamenti per quanto riguarda il reddito di emergenza, e finalmente possiamo dare delle indicazioni certe su cosa bisognerà fare per poter usufruire del beneficio.

L’Inps, con il messaggio n°1378 del 01 aprile 2021, ha fornito le prime indicazioni su come presentare la domanda per il reddito di emergenza 2021 (Rem 2021) da inoltrare dal 7 al 30 aprile 2021 sul portale online dell’Inps.

Cos’è il reddito di emergenza 2021?

Il reddito di emergenza (Rem) 2021 è una misura di sostegno economico per tutte quelle famiglie in difficoltà: tre rate con importo da 400 a 800 euro per i mesi di marzo, aprile e maggio, con aumento previsto se ci sono persone in famiglia con gravi disabilità. E un importo fisso di 400 euro garantito anche a chi era in Naspi o in Dis-Coll nei mesi compresi fra il 1 luglio 2020 e il 28 febbraio 2021

La domanda che tutti si pongono è se chi ha già ricevuto le rate lo scorso anno dovrà rifare la richiesta. La risposta è SI. Bisognerà inoltrare la domanda. Il nuovo reddito di emergenza prenderà infatti come riferimento l’ISEE di febbraio 2021, e non sarà automatico per chi ha già fatto domanda.

Incompatibilità col Rem 2021

Inoltre il Il Rem ai sensi dell’articolo 12, comma 1, lettere b) e c), del decreto–legge n. 41/2021 non è compatibile:

a) con le indennità COVID-19 di cui all’articolo 10 del decreto–legge n. 41/2021 (“i vecchi bonus 1000 euro” oggi “bonus 2400 euro”

b) con le prestazioni pensionistiche, dirette o indirette, a eccezione dell’assegno ordinario di invalidità e dei trattamenti di invalidità civile;

c) con i redditi da lavoro dipendente, la cui retribuzione lorda complessiva sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo;

d) con il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di cittadinanza percepito al momento della domanda.

Dove fare domanda per il Reddito di emergenza 2021?

La domanda per il reddito di emergenza 2021 (Rem 2021), come detto, dovrà essere presentata sul portale dell’Inps entro il 30 aprile 2021 con un modello predisposto dall’istituto e seguendo la procedura che verrà indicata sul portale.

Come fare domanda

La domanda per il Reddito di emergenza 2021 (Rem 2021) può essere presentata attraverso questi due canali:

  • online con il servizio dedicato sul sito Inps, quando sarà arrivo, accedendo all’area utente con le credenziali che hai usato per registrarti (Pin, Spid, Carta Nazionale dei servizi
  • Caf e Patronati

 

Chi può usufruire del reddito di emergenza 2021? Requisiti Rem

Possono usufruire del beneficio le famiglie o i singoli cittadini che rispettano questi requisiti:

    • reddito familiare nel mese di febbraio 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui all’articolo 82, comma 5, del decreto-legge n. 34 del 2020 (reddito inferiore a una soglia pari all’ammontare del Rem);

 

    • residenza in Italia;

 

    • patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito all’anno precedente. Questa soglia è aumentata di ulteriori 5.000 euro persona nel nucleo familiare, fino a un massimo comunque di 20.000 euro;

 

    • ISEE non superiore a 15.000 euro.

 

Cosa cambia per le famiglie in affitto?

Per le famiglie che abitano in affitto, la soglia di reddito per accedere al Reddito di emergenza 2021 aumenta di un dodicesimo del valore annuo del canone di locazione. Su un affitto annuale di dodici mila euro, per esempio, il patrimonio salirà di 1000 euro (un dodicesimo).

Cosa cambia per i disoccupati?

disoccupati con Isee aggiornato inferiore ai 30mila euro e che erano in Naspi o DIS-COLL fra il 1 luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 avranno diritto in automatico al riconoscimento di tre rate del reddito di emergenza 2021. Per loro, insomma, non sarà necessario rispettare i requisiti patrimoniali.

 

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleA partire da luglio, assegno unico fino a 250 euro per ogni figlio
Next articleDal 7 aprile ritorno in classe fino al primo anno delle medie
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger e social media manager. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Vice segretario nel direttivo del SUGC (Sindacato Unitario Giornalisti Campania). Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con varie emittenti televisive per interviste e servizi. Ha collaborato come blogger per Fanpage, dal 2012 al 2019, e ha fondato il blog "Respirando Rosa". Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here