Home Altri Comuni L’INIZIATIVA. Mondragone, il Corpo degli Alpini omaggiato dalla storica distilleria Petrone con...

L’INIZIATIVA. Mondragone, il Corpo degli Alpini omaggiato dalla storica distilleria Petrone con l’esclusiva produzione del rinomato Amarè

250
0
SHARE

MONDRAGONE.  Ancora una splendida iniziativa della storica distilleria “Petrone”, fondata ben 163 anni fa. E così la notissima azienda liquoristica casertana “Petrone”, famosa in tutto il mondo per i suoi straordinari e gustosissimi liquori, ha deciso di omaggiare il glorioso Corpo degli Alpini italiano, in occasione della celebrazione del suo 150esimo anniversario.

A scendere in campo è ancora una volta Andrea Petrone (nella foto in basso), giovane e brillante manager dell’antichissima distilleria mondragonese.

Andrea, che si è sempre distinto per le sue straordinarie iniziative di solidarietà, insieme al suo qualificato team di esperti ha creato un’apposita “special edition” del rinomato AmaRè, il liquore ottenuto dall’infusione di erbe ed essenze pregiate presenti nel settecentesco “Real Giardino Inglese” della Reggia di Caserta.

LE DICHIARAZIONI

“Abbiamo pensato di realizzare un’etichetta dedicata esclusivamente alle nostre Penne Nere – sottolinea Andrea Petrone – creata ad hoc per il loro speciale anniversario e che rivestirà l’apposita bottiglia dell’AmaRè degli Alpini. Insomma il nuovo brand custodirà l’elisir naturale ottenuto con selezionati ingredienti: canfora, citronella, arancia amara, camelia, cicoria, finocchietto, bacche di mirto, ulivo, bergamotto e limoni”.

Poi il manager precisa. “L’AmaRè degli Alpini nasce grazie ad un accordo stipulato tra la nostra azienda con Difesa Servizi S.p.A., società in house del Ministero della Difesa, che si occupa della valorizzazione e della gestione economica dei brand delle Forze Armate. Ho sentito forte l’orgoglio di dedicare il nostro liquore di punta ad un anniversario così importante, non soltanto per gli alpini ma per tutti gli italiani”.

Il pregiato liquore potrà essere già acquistato sia sull’e-commerce dell’Antica Distilleria Petrone (www.distilleriapetrone.it), sia sulla pagina del sito dedicato all’anniversario dei 150 anni del Corpo degli Alpini (https://alpini150.it/petrone/). La storia della rinomata distilleria “Petrone” nasce ben 163 anni fa. Una generazione di distillatori le cui ricette secolari sono state tramandate di padre in figlio e che hanno consentito di avere sempre un forte legame familiare con la stessa città di Mondragone.

Da annotare, inoltre, che, oltre all’AmaRè, la prestigiosa azienda campana produce tra l’altro altre prelibatezze anche per i palati più raffinati, anch’essi prenotabili subito sul sito dell’azienda (www.distilleriapetrone.it).

Tra questi: Elixir Falernum (affinato in mare), Limoncello, Nocino, Guappa, Liquore Polizia e Liquore Esercito.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleGli antichi mestieri scomparsi: i posteggiatori, la nutrice e a’capera
Next articleTeatro Augusteo, cartellone 2022/2023. Spettacoli disponibili in abbonamento
Lauree magistrali in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, ed in Scienze Motorie, con Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. Giornalista pubblicista, è corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino” dal 1990. Docente, vicepreside, ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana, addetto stampa per il Centro Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana, ha diretto, tra gli altri, i periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”, collaborando, inoltre, con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Caporedattore della testata online Campania Press.it, collabora con emittenti televisive da oltre un ventennio, curando interviste e servizi. Da svariati anni collabora anche con l’emittente televisiva “Capri Event”. Nell’ottobre 2019 gli è stato assegnato il Premio Nazionale “Mario Fiore”, giunto alla V edizione, per la sezione dedicata al giornalismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here