Home Cronaca Incendio deposito auto. I dati Arpac sulla qualità dell’aria

Incendio deposito auto. I dati Arpac sulla qualità dell’aria

587
0
SHARE
Un incendio che ha preoccupato un’intera collettività, quello accaduto sabato scorso a Caivano, con la combustione di oltre 150 autovetture abbandonate in un deposito e lo scoppio di pneumatici che hanno preso fuoco.
 
Il rogo, ancora da stabilire se di natura dolosa, su cui indagano i carabinieri e la Procura di Napoli, ha fatto emergere diversi quesiti, in primis come tutelare la salute del cittadino, a partire dall’analisi dei fattori inquinanti.

 

Il monitoraggio dell’aria

 
Le stazioni fisse di monitoraggio dell’Arpac, almeno il sabato pomeriggio, subito dopo l’incendio, non hanno mostrato criticità riconducibili all’incendio, ma sono stati evidenziati alcuni andamenti più alti rispetto allo standard regionale per la presenza di alcuni inquinanti nell’aria, rasentando i limiti previsti dalal legge.
 
Una squadra di tecnici del dipartimento di Napoli si è infatti recata sul posto sabato pomeriggio, quando l’incendio era in corso di spegnimento. 
 
I tecnici hanno osservato, tra i veicoli combusti, anche alcune onduline frammentate, parzialmente combuste, presumibilmente in cemento amianto.

Da ieri, è stato posizionato un laboratorio mobile nei pressi del terreno coinvolto dall’incendio per il monitoraggio della qualità dell’aria. In particolare, si dovrà testare le seguenti concentrazioni di: benzene, toluene, xilene, monossido di carbonio, monossido e biossido di azoto, ozono, Pm2.5 e Pm10, e un campionatore ad alto volume di aria, per la rilevazione delle concentrazioni di diossine e furani dispersi in atmosfera.
 

Dati Arpac

 
Dai primi risultati, è emerso che si rilevano picchi di benzene alle 21 e alle 23 del 19 giugno (1,7-1,4 ug/m3), con un valore massimo raggiunto alle 4 del mattino del 20 giugno (5 ug/m3), accompagnato da un picco di monossido di carbonio (1,07 mg/m3). Nelle stesse ore anche il toluene fa registrare qualche picco (valore massimo 10,97 ug/m3 alle 5 del 20 giugno). Si registra anche un aumento del biossido di azoto dalle 19 alle 23 del 19 giugno (valore massimo 66 ug/m3).
 
Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleLa Luys Fitness Center conferma la leadership della Ginnastica Artistica della Campania
Next articleEcoFoodFertility, la ricerca sul rapporto tra ambiente e salute riproduttiva
Laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico alla Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista, blogger e social media manager. Curatrice di eventi culturali, mostre e presentazioni di libri. Vice segretario nel direttivo del SUGC (Sindacato Unitario Giornalisti Campania). Lavora come docente di sociologia per enti di formazione. Appassionata di tecnologia e moda. Collabora con varie emittenti televisive per interviste e servizi. Ha collaborato come blogger per Fanpage, dal 2012 al 2019, e ha fondato il blog "Respirando Rosa". Adora i contrasti e le sfumature, decisamente una fiera anti-conformista, contro i sistemi di pensiero strutturati e le mentalità chiuse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here