Home Eventi&Spettacoli Al maestro Mattia Fiore

Al maestro Mattia Fiore

881
1
SHARE

Fiera ed emozionata per l’assegnazione del premio ‘Eccellenze di Caivano 2022’ voglio esprimere il mio ringraziamento sentito e sincero al maestro Mattia Fiore.

Caivano 27/07/2022 – Palazzo Marchesale (Località Casolla Valenzano). Sveglia Caivano presenta “Gran galà eccellenze del nostro territorio” IV Edizione. Foto di Luigi Giovenale.

Lo conoscevo da tempo, ma di lui, in questa occasione, ho potuto apprezzare le eccellenti doti artistiche e soprattutto un amore forte per la nostra martoriata Caivano, un tempo terra fertile, luogo semplice, sede di un’umanità onesta e laboriosa, ma anche fucina di una fiorente gioventù, dedita ad un impegno sociale, culturale, politico forte e che era di esempio e sprone anche per i paesi vicini.

Oggi, purtroppo, questa Caivano dei nostri comuni ricordi non c’è più, ma viva è in molti di noi la speranza di arginare il degrado e contribuire ad un riscatto, che possa rendere la nostra realtà più vivibile.

Questo è sicuramente il lodevole intento dell’associazione ‘Sveglia Caivano’ di cui è animatore l’instancabile Nino Navas col suo validissimo staff.

Il premio che mi è stato tributato mi è doppiamente caro, sia per il suo valore simbolico, perché riconoscimento di amore per la propria terra, sia perché costituito da un’ opera, del pittore Mattia Fiore, bellissima, emozionante, dai colori brillanti e luminosi, che trasmettono intense emozioni.

Ogni artista riceve l’ispirazione dall’amore, come recita il divin poeta:

“I’ mi son un che, quando

Amor mi spira, noto, e a quel modo

ch’e’ ditta dentro vo significando “

Dante – Purgatorio (Canto XXIV W 52-54)

E il maestro Fiore rivela l’amore in tutte le sue opere, che sono, per lui, creature viventi, che gli parlano e con cui lui parla.

“Gran galà eccellenze del nostro territorio” IV Edizione.- Mattia Fiore. Foto di Luigi Giovenale.

Ecco perché sono particolarmente fiera del premio ricevuto, perché frutto dell’amore del maestro Mattia Fiore per la sua Caivano, per la quale auspica un risveglio, una riscossa, che permetta, a chi vi abita, una vita a misura d’uomo.

Questo è stato anche lo sforzo costante mio e del mio amatissimo compagno, che lui ha conosciuto e credo stimato:

 

Educare intere generazioni di giovani ad essere uomini e cittadini onesti, laboriosi e responsabili.

Anche il maestro Fiore con la sua arte, mirabile per i colori smaglianti, simbolo di una luce che gli brilla nell’animo, ha educato ed educa al senso del bello ed anche del bene, secondo il binomio classico greco del “καλός καὶ ἀγαθός”, cioè del bello e del bene, che dovrebbero trovare la loro sintesi naturale nella Politica, che è servizio alla polis, ma è anche aspirazione al bello (Estetica) e pratica del bene (Etica)

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram

1 COMMENT

  1. Concordo con quanto scritto da Franca purtroppo oggi u politici come il marito Peppe Crispino e giovani come quelli del Leopardi sono sempre più rari e la politica intesa come l’arte del perseguimento del bello e del buono collettivo è scomparsa e Caivano è sgovernata da una inutile maggioranza delle porte girevoli che non fa onore ad una comunità abituata a ben altro e che vive solo nel ricordo di sindaci come Vincenzo Donesi, Ernesto Di Palo, Luigi Falco e Felice Capone. Così vanno le cose del mondo e oggi la terra di lavoro di Caivano è affidata alle chiacchiere di imbonitori di scarsa creatività e tanta alterigia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here