Home Politica La maggioranza del sindaco Falco si sgretola sulla gara sui rifiuti

La maggioranza del sindaco Falco si sgretola sulla gara sui rifiuti

984
2
SHARE

Politica caivanese ancora in crisi. Questa sera alle 20, quando doveva iniziare il consiglio comunale convocato dal presidente Francesco Emione non vi era il numero legale dei consiglieri e si è dovuto aspettare un’ora per il secondo appello.

Una volta iniziata l’assemblea e analizzati i primi punti, di poco rilievo, si è arrivato alle nolenti note della vicenda sulla gara per la raccolta dei rifiuti solidi urbani.

Due interventi, dopo quello del sindaco, hanno messo KO quest’ultimo. Prima dai banchi della minoranza con Antonio Angelino, poi da quelli della maggioranza con Pippo Ponticelli ne è venuto fuori, che secondo i consiglieri, da due anni si perde letteralmente tempo su dinamiche poco raggiungibili. Angelino con documenti alla mano ha evidenziato che si poteva fare altro, mentre Ponticelli ha espressamente indicato al sindaco le modifiche da fare alla bozza di delibera di giunta per essere nelle norme (domani verrà pubblicato il suo intervento in video).

Appena il presidente del consiglio comunale ha espressamente dichiarato che in questa seduta non si potevano fare modifiche tutta la minoranza è balzata via, insieme a loro anche i consiglieri Pippo Ponticelli, Lello Del Gaudio e Antonio De Lucia della maggioranza.

Essendoci anche l’assenza della consigliera Giovanna Palmiero non c’è stato più il numero legale per proseguire i lavori e la seduta è andata deserta.

Un brutto colpo per il sindaco Falco che vede frantumare la sua maggioranza e ora attende note positive per la seconda convocazione di giovedì sera. In caso di seduta deserta si parlerebbe ufficialmente di crisi politica e si aprirebbero altri scenari, non ultimo quello tramontato dodici mesi fa, quando gran parte dei consiglieri erano pronti dal notaio per far terminare anzitempo l’amministrazione con a capo il sindaco Enzo Falco eletto nel 2020.

Purtroppo nelle scelte importanti non c’è mai stata una grande unità e dopo due anni i cittadini reclamano una vivibilità diversa, mentre Caivano sprofonda, ancor di più, nella mediocrità per non dire altro.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous article“Non ci resta che ridere”, lo spettacolo al Teatro Burlesque
Next articleIl Taekwondo a Caivano solida realtà con il ‘Team De Gregorio’
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

2 COMMENTS

  1. Strano che su un tema tanto importante la maggioranza girevole non ha una visione unitaria e abbia bisogno di tempi supplementari. Gatta ci cova?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here