Home Cronaca Business luci cimiteriali, a Caivano è possibile mettere luci a batteria

Business luci cimiteriali, a Caivano è possibile mettere luci a batteria

1590
0
SHARE

Come ogni anno è scattato il business all’interno dei cimiteri per l’istallazione di luci supplementari (croci e altri simboli luminosi) oltre alla luce votiva accesa tutto l’anno presso ogni lapide.

Diverse sono state le segnalazioni di cittadini a Caivano invitati a non introdurre luci a batteria perchè ci fosse una ditta incaricata, la BERLOR GENERAL CONTRACTOR SRL avente sede legale in Carmiano (LE) vincitrice proprio dell’appalto pochi giorni fa.

La suddetta ditta ha vinto l’appalto per i prossimi 4 mesi per le luci votive all’interno del cimitero, oltre a quelle supplementari secondo discrezione degli utenti.

Nel regolamento comunale non vi è il divieto di introdurre luci supplementari a batteria o solari e nell’ultimo periodo non vi sono ordinanze sindacali del sindaco, quindi è lecito l’introduzione e l’uso per quanto riguarda Caivano.

Le luci supplementari hanno raggiunto prezzi concorrenziali e molto bassi e hanno una lunga durata rispetto alle vecchie luci utilizzate in cimitero per pochi giorni a prezzi molto più alti.

In alcuni cimiteri in Italia è stato vietato l’introduzione, ma con ordinanze comunali. Ad esempio a Somma Vesuviana un’ordinanza sindacale del sindaco vietava luci votive a batterie. Il motivo: “Inquinano e sono difficili da smaltire”. Di fatto si tratta di rifiuti speciali che potrebbero essere smaltiti in un contenitore apposito ma non è la soluzione scelta dall’amministrazione comunale che ha optato per il divieto assoluto, anche per i dispositivi già esistenti i quali dovranno essere rimossi.

A Gubbio invece con Deliberazione di Consiglio Comunale i consiglieri comunali hanno votato e approvato il nuovo regolamento per il Servizio di Illuminazione dei Cimiteri che vieta agli utenti:
a)manomettere gli impianti;
b) provvedere in proprio all’allaccio dell’utenza o al riallaccio di utenza disattivata;
c) provvedere in proprio all’illuminazione delle tombe con modalità diverse da quelle fornite dal Comune quali, ad esempio, lampada votiva a batteria o pannelli solari.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here