Home Cronaca LA NOMINA. Il napoletano Ludovico Docimo è il nuovo presidente designato dalla...

LA NOMINA. Il napoletano Ludovico Docimo è il nuovo presidente designato dalla Società Italiana di Chirurgia

494
0
SHARE

L’intelligenza artificiale in ambito oncologico è una delle grandi sfide del prossimo decennio.

Ludovico Docimo, napoletano, classe 1961 (Direttore del Dipartimento Medico-Chirurgico di Alta Specialità dell’Azienda Ospedaliera Università della Campania “Luigi Vanvitelli”), è il nuovo Presidente incoming della Società Italiana di Chirurgia, una delle più prestigiose società medico-scientifiche italiane.

L’elezione per il triennio 2025-2028 è arrivata, come da tradizione, con tre anni di anticipo, nel corso del 124esimo congresso della Società Italiana di Chirurgia, che ha celebrato a Roma i suoi primi 140 anni di attività.

Origini calabresi, con cittadinanza onoraria del Comune di Rose (Cosenza), Ludovico Docimo, da 20 anni professore ordinario di Chirurgia generale all’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, è attualmente presidente del Collegio dei Professori Ordinari di Chirurgia Generale delle Università Italiane ed è tra i massimi esperti in ambito nazionale di chirurgia mininvasiva, di chirurgia dell’obesità e di chirurgia oncologica.

LE DICHIARAZIONI

“Recuperare i ritardi causati dall’emergenza pandemica, migliorare sempre più le tecniche di chirurgia mininvasiva e sviluppare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale in chirurgia oncologica”. Così il professor Docimo (nella foto di copertina) disegna alcune delle grandi sfide che aspettano nei prossimi anni la chirurgia italiana.

“Nonostante le attività chirurgiche non siano mai state interrotte – spiega Docimo – i ritardi anche diagnostici, causati dalla pandemia, hanno determinato preoccupanti conseguenze su numerose patologie, con l’inesorabile affollamento dei pronto soccorso e con le inevitabili ricadute sulla formazione dei nostri giovani. In questa contingenza dobbiamo allora impegnarci con grande determinazione nei complessi processi di recupero già avviati, poiché nei momenti difficili le attività mediche e scientifiche devono continuare ad assicurare il proprio ruolo di riferimento propositivo e strategico per il nostro Paese”.

Poi il professore precisa. “Un milione di interventi chirurgici rimandati nei due anni del picco dell’emergenza pandemica è un dato drammatico con cui confrontarsi così come più volte evidenziato anche dal Ministero della Salute. Ma c’è di più anche da un punto di vista prospettico,  perché, in virtù di oltre 2 milioni e mezzo di screening all’anno in meno registrati durante la pandemia rispetto al dato del 2019, si prevede che nei prossimi anni ci sarà un aumento dei pazienti oncologici di oltre il 20%”.

A questa ulteriore emergenza, però, si può rispondere con un sempre maggior ricorso all’utilizzo dell’intelligenza artificiale in ambito diagnostico. Un settore in cui Ludovico Docimo porta avanti, già da un lustro, un progetto pioneristico in seno all’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.

Per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie, iscriviti al nostro canale Telegram e seguici su Instagram
SHARE
Previous articleZona Asi, chiusura rampe di accesso lato Mattino il 3 e 4 novembre
Next articleDenuncia alla ditta delle lampade votive del cimitero, comunicato amministrazione comunale
Ha conseguito la laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, presso l’Università degli Studi del Molise, la laurea magistrale in Scienze Motorie, presso l’Università degli Studi “Tor Vergata” di Roma e il Diploma Isef, presso l’Istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Tra le altre certificazioni ha conseguito anche il Master di I livello in Scienze della Comunicazione Pubblica. E’ giornalista pubblicista, iscritto all’Albo e all’Inpgi. Corrispondente del quotidiano nazionale “Il Mattino dal 1990”. Componente della Commissione Cultura dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, docente e vicepreside negli istituti superiori di secondo grado. Ufficiale del corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana. Addetto stampa per il Centro-Sud dell’Associazione Nazionale Militari della Croce Rossa Italiana. Già direttore responsabile, tra gli altri, dei periodici “Occhio sulla Città” e “Non solo Sport”. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche (“Il Giornale di Napoli”, Roma, Napoli Metropoli, Idea Città, ecc.). Redattore delle testate online “Il Giornale di Caivano”, “Ergo Tv” e “Campania Press”. Ha collaborato e collabora con emittenti televisive regionali ed interregionali da oltre un ventennio (Capri Event, Telecapri News, Napoli Tivù). Tra i vari riconoscimenti figurano, per la sezione giornalismo, anche il Premio del concorso nazionale sulla legalità “Non tacerò” (anno 2016), il Premio Nazionale “Mario Fiore”, anno 2019, il Premio Internazionale “Liburia 2020” ed Il Premio “Città di Caivano 2022” (Leone d’Argento). Inoltre, nel maggio 2022 ha ricevuto la nomina di “Effettista Emerito” della contemporanea corrente pittorica italiana dell’Effettismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here