Patriciello scrive alla Meloni: ‘Sanare la situazione delle famiglie perbene del Parco Verde’

0
1064

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO GIORGIA MELONI

Al Presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni.

Signor Presidente,
al Parco Verde, in Caivano, come ha avuto modo di constatare, abbiamo pagato e continuiamo a pagare un prezzo altissimo dovuto soprattutto all’abbandono delle istituzioni e della politica.

Un problema serio che sta terrorizzando tante famiglie – soprattutto dopo gli ultimi blitz – è il seguente:
In questi 30 anni, tante famiglie assegnatarie degli alloggi, non hanno resistito e sono andate ad abitare altrove. Le case, però, non sono ritornate, come era giusto, al legittimo proprietario e cioè il comune. All’inizio, chi se ne andava, cedeva – per rapporti di parentela o di amicizia – l’appartamento a chi riteneva opportuno.

La cosa era pacifica, nessuno diceva niente, non c’era quasi la percezione di commettere un illecito. Anche perché il comune dava la residenza al nuovo occupante il quale riusciva ad avere anche gli allacci di luce e gas.

Tante giovani coppie, con mille sacrifici, a spese proprie, sistemavano la casa e vi andavano ad abitare.

In seguito, i clan della camorra compresero che anche questo poteva essere non solo un affare ma soprattutto un altro modo per tenere sotto controllo il territorio.

E iniziarono a “ comprare “ le case di chi sceglieva di andare via o di chi, morendo, le lasciava vuote. Case che poi provvedevano ad affittare ai propri affiliati o a farne depositi e magazzini per droga e armi.

Si è creato così un assurdo modo di agire da cui nessuno sa come uscirne fuori, perché quasi la metà degli abitanti del quartiere è abusiva.

Io tremo al pensiero che un’azione di forza possa pensare di fare piazza pulita. Tante di queste coppie hanno speso tutto ciò che avevano per aggiustare questi appartamenti che erano fatiscenti. Sono famiglie povere ma oneste. Vittime della camorra e di uno Stato latitante.

Occorre avere il coraggio – una volta per tutte – di sanare la loro situazione, fare pace con esse, tranquillizzarle. Rassicurarle che non saranno cacciate fuori, e farle rientrare nella legalità.

Sarebbe questo un risultato giusto e misericordioso. Eviterebbe tanta inutile sofferenza alla gente onesta e permetterebbe a chi di competenza, di concentrare le proprie forze verso la malavita.

Tenga presente, la prego, questa necessaria distinzione. Essa aiuterà il suo governo ad avere risultati concreti e giusti. E le attirerà le benedizioni della gente povera ma onesta.

Lungi da me il pensiero di darle consigli, ma essendo in questa parrocchia da 30 anni conosco meglio di chiunque le cose come sono andate e come stanno.

Spero che vorrà prendere in considerazione questa mia richiesta.

La ringrazio.
Dio la benedica e le dia tanta luce e discernimento.
Padre Maurizio Patriciello.

Caivano, 14 settembre 2023.
Esaltazione della Santa Croce.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here