Don Maurizio Patriciello dà lezioni ai giornalisti…

0
1742

CASORIA (Francesco Celiento) – “Sono per la massima libertà d’espressione, ma non certo per quella di offendere gratuitamente”. E’ stato questo il succo dell’intervento di Padre Maurizio Patriciello, a Casoria, durante un corso di formazione riservato ai giornalisti con tema “La deontologia professionale”.

Il sacerdote è stato relatore insieme a Monsignor Vincenzo Pelvi, arcivescovo metropolita di Foggia-Bovino, e già ordinario militare d’Italia, con moderatore il giornalista professionista Giuseppe De Silva (nella foto con il prete). E’ la seconda volta che don Patriciello fa lezione ai giornalisti, l’altra volta fu ad Aversa, davanti ad un centinaio di persone, nell’auditorium dedicato all’ex presidente della Corte Costituzionale Vincenzo Caianiello, aversano di nascita.

P1020745

Previous articleChe fuori tempo che fa, Don Patriciello sulla terra dei fuochi a rai 3
Next articlePD: il 20 gennaio Andrea Cozzolino a Caivano
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here