Terra dei Fuochi, avviata messa in sicurezza a Caivano ma l’amianto resta

0
1408

CAIVANO (NA) – Sarebbe iniziato lo scorso dicembre l’intervento della Regione Campania nelle terre circostanti il Parco Verde, a Caivano, per la «Messa in sicurezza del territorio mediante mitigazione dei rischi ambientali e igienico-sanitari». Tuttavia, le attività vanno a rilento e la questione è davvero preoccupante, poiché, anche se gli operai dell’ex-Astir hanno iniziato a prodigarsi per effettuare la differenziata dell’enorme varietà di rifiuti tossici – quali copertoni, plastica, coloranti e perfino materiali edilizi – non hanno ancora provveduto a togliere di mezzo le lastre di amianto, lasciate lì senza copertura, come fossero parte integrante e inamovibile del paesaggio, delimitate solo dalla presenza di un nastro arancione e bianco.

Ciro Pisano, dell’associazione “Liberi per Caivano” – già attiva nel territorio per problemi legati alla questione della Terra dei Fuochi – ha rilasciato ai microfoni del Corriere del Mezzogiorno le seguenti dichiarazioni «Ebbene, per questa specie di “messa in sicurezza”, la Regione Campania ha speso la bellezza di 1 milione e 181mila euro di fondi europei», supportate e confermate anche da documenti ufficiali. Infatti, sul Burc della Regione Campania, il 9 dicembre 2014, sarebbe stato pubblicato il Decreto Dirigenziale numero 34, redatto il 3 dicembre dello stesso mese, nel quale si può chiaramente leggere che Palazzo Santa Lucia avrebbe destinato 590mila euro l’anno, nel biennio 2014-2015, per effettuare le operazione di messa in sicurezza.

Stando al protocollo d’intesa stipulato fra Regione Campania, Comune di Caivano e Campania Ambiente, spetterebbe al Municipio – posto attualmente sotto la guida del Commissario Prefettizio, Antonio Contarino – di occuparsi di «effettuare le attività di carico, trasporto e recupero/smaltimento dei rifiuti differenziati, che dovranno avvenire secondo tempistiche coerenti con l’esecuzione del servizio di differenziazione rifiuti abbandonati», tuttavia lasciando ancora lì l’amianto.

«Un Comune che non è certo esente da colpe: anzi! – non le manda certo a dire, Pisano, che aggiunge – Due anni fa, prima che la precedente Giunta di Antonio Falco fosse dichiarata decaduta, venne presentato un progetto di fattibilità da parte dell’architetto Andrea Mascolo. In questo progetto è indicata, come somma totale per le bonifiche, la cifra di 750mila euro, ben al di sotto dei fondi impiegati dalla Regione Campania». Infatti la Regione Campania avrebbe destinato al progetto molto di più: 851.337,15 euro per garantire i Servizi – dei quali circa 54 mila per la sicurezza; 107.710 euro alla voce “Spese Generali” e, infine, ben 68.106,97 euro destinate a spese impreviste.

Facendo alcuni conti, sono molte le domande che sorgono riguardo la gestione della questione delle terre di Caivano. Intanto, Pisano avrebbe concluso così «Si tratta di un’operazione assolutamente superficiale, gli operai di Campania Ambiente raccolgono quello che riescono a raccogliere; ma i rifiuti pericolosi, quelli che hanno avvelenato le nostre campagne, resteranno lì, come niente fosse stato. E noi avremo speso soldi pubblici inutilmente. Una situazione veramente ridicola»

Previous articleCaivano. Chiuso il cimitero per 4 giorni
Next articleCaivano. Passi carrabili 2015, ecco come rinnovare le autorizzazioni
Pasquale Gallo, nella comunicazione da più di vent’anni, ha studiato Marketing e Quality e cura diverse campagne pubblicitarie regionali. Giornalista pubblicista dal 2007, ha sempre scritto di sport, partendo da testate cartacee come Cronache di Napoli, Il Roma e Il Partenopeo, entrando nel web fondando Pianetanapoli nel 2006. Ad oggi oltre ad essere editore di Zona Calcio, portale e trasmissione radiofonica, collabora con TuttoCasertana e Capri Event Tv. Nel 2015 fonda IlgiornalediCaivano.it che non è solo un progetto editoriale, ma un vero punto di riferimento per l’intera cittadinanza con un continuo interagire attraverso email e social network.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here