Caivano, la candidata Lisa Altamura: bisogna mettersi in gioco…

0
3022

lisa altamuralisa altamura lisa altamura
CAIVANO –
Carissimi elettrici ed elettori, mi rivolgo a Voi in quanto cittadina caivanese, ma soprattutto come moglie, madre ed imprenditrice locale. Fino a qualche anno fa non volevo saperne di politica locale, perché ritenevo che fosse un mondo a me poco affine, e credo che la pensiate così in tanti. Ma da quello che lamenta la gente e guardandomi intorno, vedo il nostro paese in un totale stato di abbandono. Si sopravvive giorno per giorno ad una condizione generale che man mano sta portando tutti ad uno stato di rassegnazione.
Ci stiamo abituando sempre più all’idea che questo debba essere il nostro stile di vita, ove impera il caos, l’illegalità autorizzata, l’incertezza di un futuro per le nostre famiglie e per i nostri figli. Una città dove l’inciviltà stanno prendendo il sopravvento su quella parte sana della popolazione. Come donna mi accorgo di non poter uscire di casa ed avere la libertà di fare una passeggiata a piedi. Questa non è vita! Basta fare un giro nei paesi poco distanti da noi per notare evidenti differenze….
Fino a qualche mese fa assistevo inerme a tutto questo, e non accettavo la mancanza di reazione da parte della gente. Ma sbagliavo anch’io.
Perché aspettavo che fossero gli altri a fare qualcosa per cambiare rotta. Oggi, nonostante la mia vita sia già ricca di impegni, ho ritenuto opportuno di mettermi in gioco. Non voglio più aspettare che “qualcuno” decida il mio modo vivere nella mia città.
Ci metto la faccia in prima persona. Non voglio entrare in merito a ciò che sia stato fatto o non fatto da chi ci ha governato. Criticarli non porterebbe a nulla, anzi è quel tipo di politica che si dovrà tenere presente per non ricadere negli stessi errori.
Personalmente non ho alcun interesse personale da tutelare, sono una donna realizzata professionalmente con una bella famiglia. Ma credo che in qualità di mamma ho la responsabilità di non lasciare in eredità ai miei figli un paese invivibile: non me lo perdonerei! Spero che tutti i caivanesi vogliano fortemente dare un valore al proprio voto, riflettendo profondamente prima di decidere, ma soprattutto spero che non vendano la propria dignità ed il futuro dei propri cari in cambio di false promesse o puerili compensi.
Quello che posso assicurare è il mio impegno affinché in amministrazione ci sia una presenza femminile che tuteli l’interesse delle famiglie, ponendo un’ attenzione particolare al futuro dei nostri figli che, incolpevoli, potranno subire le conseguenze delle nostre scelte attuali. La lista che rappresento, ricca di giovani, fa un invito chiaro a coloro che operano ascoltando il proprio “cuore”, in particolare alle donne, una presenza che nelle ultime amministrazioni è venuta meno, portando questo paese a perdere la propria “anima”. Fiduciosa in un Vostro profondo esame di coscienza etica e morale, vi saluto con affetto.

LUISA ALTAMURA DETTA LISA, CANDIDATA DELLA LISTA CAIVANO NEL CUORE

progetto logo07032015___ok

Previous articleBuona la percentuale della raccolta differenziata, i lavori di manutenzione continuano
Next articleFesta di Campiglione: questo il programma di domenica 10 maggio
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here