Costi mensa alti, protesta alla “Cilea-Mameli”: il sindaco riveda le tariffe

0
2873

petizione

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – E’ protesta alla “Cilea-Mameli” via Caputo per il caro mensa. Ieri mattina 5 ottobre una delegazione di mamme ha ritirato prima i loro bambini. Purtroppo, molte di loro non possono pagare il ticket mensa (che varia da 25 a 54 euro, a seconda delle fasce di reddito e può arrivare fino a 75 euro mensili per chi non presenta l’Isee) e nemmeno dare la merenda ai loro figli per mangiarla a scuola.

Alcuni genitori sono costretti, perciò, a chiedere un permesso per portare a casa o almeno fuori la scuola, nell’orario del pranzo, i loro figli per farli mangiare. Una situazione, che ovviamente non può durare a lungo.

“Con questo metodo – dice una signora – si formano bambini di serie A e bambini di serie B. Purtroppo, le famiglie monoreddito, che spesso hanno due o più figli a carico, non possono permettersi di pagare la refezione a tutti. Inoltre, la qualità deve essere migliorata ed i pasti più vari in quanto è fondamentale l’alimentazione per queste fasce d’età adolescenziali”. I genitori infuriati hanno anche raccolto delle firme che saranno consegnate al primo cittadino Simone Monopoli (vedi petizione foto sopra).

Sul posto, a sostenere la protesta, due consiglieri comunali di opposizione, Francesco Emione (Liberi Cittadini) e Antonio Angelino (Noi per Caivano), i quali hanno chiesto al sindaco Monopoli di aumentare almeno le esenzioni mensa vista la povertà dilagante a Caivano e diminuire le tariffe. I prezzi furono decisi un anno fa dal commissario Contarino e confermati dall’attuale giunta.

La gara d’appalto per la refezione scolastica non è stata mai svolta nonostante la somma imponente di 400mila euro perché il funzionario del Comune, Vito Coppola, croce e delizia del sindaco Monopoli, ha concesso una proroga alla stessa ditta che da vent’anni fornisce i pasti agli alunni caivanesi. Evidentemente, nessuno si è ricordato che anche a Caivano, come da 50 anni a questa parte, la scuola inizia a settembre…

Comunque, la giunta Monopoli ha stabilito ben 150 esenzioni, ovvero qualcosa in più della giunta Falco, sostenuta anche da Emione e dal partito di riferimento di Antonio Angelino (Pd).

La preside Rosalba Peluso, solidale ovviamente con le mamme i cui figli non possono mangiare a scuola, ha dichiarato che lei non può intervenire in quanto le tariffe della mensa sono decise dal Comune e purtroppo una legge nazionale impedisce di far mangiare a scuola i bambini con il cibo, che si portano dietro da casa.

Previous articleMarcianise, si ribalta rimorchio, grossi rallentamenti
Next articleI Rom abbandonano via S. Arcangelo, grazie alla mediazione dei vigili urbani
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here