Cardito, insegnanti, politici ed esperti per parlare dell’autismo

0
2598
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

di FRANCESCO CELIENTO

CARDITO – Un convegno sull’autismo in occasione della Giornata mondiale di questa malattia, che si tiene il 2 aprile, si è svolto presso il 1° circolo didattico di Cardito sul tema: “L’autismo e la scuola inclusiva”. Sono intervenuti la dirigente scolastica Rosanna Mascoli, la quale ha introdotto l’incontro-dibattito voluto dal suo istituto: “Oggi per me è un giorno importantissimo – ha detto in apertura – in quanto sono orgogliosa di avere nella nostra scuola oltre al sindaco e gli assessori, con i quali stiamo costruendo una bella sinergia operativa, anche il professor Francesco Di Salle, docente ordinario di Neuroscienze presso l’Università di Salerno, che ci fornirà un grosso contributo su questa delicata materia. Parlare di autismo oggi è sempre più attuale, se pensiamo che negli anni ’60, un bambino su 5000 era affetto da questa malattia, mentre oggi se ne ammala uno su 64, secondo le statistiche degli Stati Uniti. Sono tre le parole riguardo l’autismo su cui penso bisogna riflettere: sensibilizzazione, consapevolezza e integrazione”.

Subito dopo è intervenuto il sindaco di Cardito, Giuseppe Cirillo, il quale non ha fatto altro che portare i saluti dell’amministrazione insieme all’assessore alle politiche sociali, l’avvocato Francesco Castaldo, e a quella alla pubblica istruzione, Raffaella Dolente. La parola, poi, è passata a Rosita Romano, del centro di riabilitazione “San Ciro”, che cura proprio molte persone autistiche. La professionista ha detto: “La scuola con questo incontro aperto sull’autismo ha fatto una cosa fondamentale perché per aiutare i bambini affetti da questa patologia è indispensabile il sostegno scolastico e familiare, è importante lavorare assieme ed utilizzare la scuola come strumento di inclusione”.

Molto più articolato il discorso del professor Di Salle, il quale ha spiegato i metodi di inclusione scolastica, e ha anche fornito dei dati poco incoraggianti. In America negli ultimi dieci anni – ha detto il docente universitario – la patologia è decuplicata, prima si ammalava un bambino su 150, adesso uno su 68. Se questa media fosse rapportata all’Italia, avremmo un milione di persone autistiche nel nostro Paese, con un costo sociale di oltre 4mila miliardi di euro, cifra che farebbe saltare qualsiasi bilancio. Ha poi aggiunto che la previsione per quanto riguarda l’America e gli altri paesi sviluppati è purtroppo di un aumento di bambini con questa patologia. “Non si riesce a trovare il gene dell’autismo per combattere la malattia”, ha chiarito il professore, che ha consigliato di vaccinare i bambini almeno a 4 anni, anche se finora non c’è alcuna correlazione tra la vaccinazione e l’insorgere della malattia. Oltre a spiegare come funziona un cervello affetto da autismo, il professionista ha denunciato che alle insegnanti di sostegno e coloro che lavorano nella scuola non viene mai spiegato come comportarsi con un bambino autistico. Questo rappresenta una grande mancanza, tant’è che tutti i presenti gli hanno dato ragione, tributandogli un grosso applauso. Al tavolo del dibattito era pubblicata su un foglio grande anche una poesia scritta da un bambino autistico.

Previous articleIsola ecologica di Caivano, cambiano gli orari
Next articleSabato giornata gialloverde per Caivanese-Herculaneum
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here