“Rifiuti di Sicilia e Abruzzo smaltiti a Caivano e dintorni”, ennesima denuncia di don Patriciello

0
24035

14202495_10210740807901746_4017424010756386303_nCAIVANO –  Anche ieri pomeriggio 8 settembre il prete anti-roghi, Padre Maurizio Patriciello, è andato nelle campagne per registrare il programma “A sua immagine” di Rai Uno scoprendo un fatto nuovo che ha raccontato in un post sul profilo Facebook.

“Tra le mille porcherie di varia natura riscontrate giovedì nelle campagne tra Afragola, Caivano, Acerra e Casalnuovo, abbiamo trovato migliaia di ricette mediche provenienti dalle Regioni Sicilia e Abruzzo. Come sono arrivate da noi? Chi ce le ha portate? È lecito pensare che chi ha incassato il denaro per smaltire le ricette legalmente e non lo ha fatto, abbia ricevuto denaro anche per smaltire rifiuti ospedalieri? Chi dovrebbe prelevare quei sacchi, sequestrarli e denunciare la Regione Siciliana e quella abruzzese? Siamo diventati la pattumiera d’Italia. Questa è la cruda verità. Quelle ricette con tanto di timbro e di firma dei medici dicono molto di più di quel che appare a prima vista. Dio benedica tutti”.

Padre Maurizio Patriciello.

Previous articleIncidente con la bici, solo tanta paura per un ragazzino
Next articleBlitz della Polizia: arrestato spacciatore nel “Bronx di Caivano”
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here