Monopoli introvabile nella notte della puzza… Aggredito, intanto, un giornalista del Corriere della Sera

0
5995

14332986_10154708552320934_7632755020612382919_n

di FRANCESCO CELIENTO

CAIVANO – Asl e Arpac nella notte hanno fatto un sopralluogo nella Mi.So., una fabbrica che lavora residui animali sita nella zona industriale di Caivano, per controlli accurati, dopo la protesta popolare di questa notte, che ha provocato l’intervento dei Carabinieri della Tenenza locale, i quali insieme alle autorità competenti summenzionate stanno indagando per attribuire le responsabilità del fetore che dal pomeriggio di ieri fino a notte ha disturbato il sonno dei cittadini di Napoli Nord. I cittadini hanno denunciato pure che fuori la fabbrica erano attivi due “geyser” da cui usciva un vapore strano e nauseabondo. I militari avrebbero già sentito a verbale alcune persone presenti fuori la Mi.So.

A protestare davanti ai cancelli il consigliere comunale Giuseppe Mellone, unico esponente della maggioranza, Francesco Emione, Pasquale Mennillo, Antonio Annavale e tanti cittadini comuni, fra cui gli attivisti 5 Stelle Mario Abenante, Francesco Giuliano e Alfonso Mormile, i quali hanno permesso ai cittadini, tramite una seguitissima diretta web su Facebook, di seguire da casa tutti gli avvenimenti. Assenze gravi quelle del primo cittadino Simone Monopoli, dell’assessore all’ambiente Antonio Baldi e del funzionario delegato all’ambiente Vito Coppola, ovvero le maggiori autorità locali in materia essendo il primo cittadino massimo ufficiale sanitario di Caivano; Baldi e Coppola, fra l’altro, abitano lontano da Caivano. Ciò fa ricordare il caso dell’ex sindaco Semplice che, ogniqualvolta accadeva un fatto del genere, veniva accusato dal centrodestra di abitare a Caserta…  Man mano che cresceva la protesta e dopo che sono arrivati i carabinieri, guardacaso, improvvisamente la puzza, che si sentiva prima addirittura fino a Frattamaggiore, è iniziata a scomparire.

Episodio grave la rottura della telecamera del giornalista Antonio Crispino, collaboratore del corrieredellasera.it (vedi foto sopra), a cui persone non meglio identificate, hanno intimato il classico “fatti i cazzi tuoi…”. Al collega ovviamente va la solidarietà del nostro blog. Il primo cittadino Monopoli evidentemente preferisce la politica delle carte a posto… Stamane 10 settembre ha pubblicato sul suo profilo Facebook vari atti in cui chiedeva a suo tempo agli organi competenti di attivarsi per risolvere il caso delle puzze, interventi che non hanno sortito gli effetti sperati, anche se Asl e Arpac facevano cenno all’industria presa di mira dai cittadini stanotte, ma facendo molta melina. Nessuno dubita sulla buona fede del medico sportivo, ma l’inquinamento da miasmi è come prima, uguale a prima. E questo non può confutarlo nessuno!

Previous articleCattivi odori, una lettera a Matteo Renzi da parte di Don Maurizio Patriciello
Next articleTenta di estorcere soldi ai genitori e alla sorella e li picchia: arrestato 42enne di Caivano
Francesco Celiento, giornalista dal 1997, diventa pubblicista a soli 22 anni scrivendo il suo primo articolo nel 1992. Inizia a collaborare con quotidiani come "Il Giornale di Napoli" "Il Roma", "Cronache di Napoli" come corrispondente locale di cronaca nera, bianca e sport. Può vantare diverse collaborazioni nel corso della sua carriera, con i giornali: "Napoli Metropoli", "Ideacittà", "Cogito", "Non solo sport", "Freepress", "L'orizzonte", "Città del fare News". Ha lavorato come addetto stampa del comune di Caivano (2004) e di Frattamaggiore (2006); si è inoltre occupato di rassegne stampa nel mondo della moda e dei concorsi di bellezza (Miss Italia, Miss Mondo). Collabora con il Giornale di Caivano dal 2015, anno in cui insieme a Pasquale Gallo, ha fondato il blog. Da pochi mesi è addetto stampa dell'osservatorio per la legalità di Scampia. Ha avuto diversi riconoscimenti alla carriera, come il Premio Giornalistico "Don Gaetano Capasso" e la menzione speciale, come giornalista locale, per il Premio Eccellenze di Caivano nel 2017.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here